Johann Wolfgang Döbereiner

chimico tedesco

Johann Wolfgang Döbereiner (Hof, 13 dicembre 1780Jena, 24 marzo 1849) è stato un chimico tedesco. È conosciuto principalmente per il lavoro che abbozzò la legge periodica degli elementi chimici.

Johann Wolfgang Döbereiner

BiografiaModifica

Come figlio di un cocchiere, Döbereiner ebbe poche opportunità di istruzione formale, quindi egli fu apprendista di un farmacista, lesse molto e assistette a lezioni di scienze. Nel 1810 diventò un professore presso l'Università di Jena. Durante le sue ricerche che cominciò nel 1829,[1] Döbereiner scoprì degli andamenti in alcune proprietà di gruppi selezionati di elementi. Ad esempio la massa atomica media del litio e del potassio era vicino alla massa atomica del sodio. Trovò risultati similari analizzando i seguenti gruppi di tre elementi:

Inoltre, le densità di alcuni di questi gruppi di elementi seguivano un andamento analogo. Questi insiemi di elementi divennero noti come "triadi di Döbereiner".[2][3] Lavorò anche con elementi come lo scandio, nel tentativo di trovare una cura per malattie come la rabbia.

Döbereiner è anche noto per la sua scoperta del furfurale, per le sue ricerche sull'uso del platino come catalizzatore e di un dispositivo con funzioni di accendino, conosciuto come la lampada di Döbereiner.

Lo scrittore tedesco Goethe era un amico di Döbereiner, frequentava le sue lezioni settimanali e utilizzò le sue teorie di affinità chimiche come base per i suoi famosi romanzi del 1809 ("Le affinità elettive").

NoteModifica

  1. ^ Johann Wolfgang Dobereiner, su chemed.chem.purdue.edu. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2014).
  2. ^ Johann Wolfgang Dobereiner, su chemed.chem.purdue.edu. URL consultato l'8 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2014).
  3. ^ A Historic Overview: Mendeleev and the Periodic Table (PDF), su genesismission.jpl.nasa.gov. URL consultato l'8 marzo 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN62340086 · ISNI (EN0000 0000 6631 5217 · BAV 495/116371 · CERL cnp00872496 · LCCN (ENn83059236 · GND (DE118526189 · J9U (ENHE987007275156305171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-n83059236