Kauab
Kawab.JPG
Il sarcofago di Kauab. Museo egizio del Cairo
Principe d'Egitto
Nascita prima del 2589 a.C.
Morte prima del 2566 a.C.
Luogo di sepoltura doppia mastaba G 7110 - 7120 nella Necropoli di Giza
Dinastia IV dinastia egizia
Padre Cheope
Madre Meritites I
Consorte Hetepheres II
Figli Meresankh III, Duaenhor, Kaemsekhem, Mindjedef

Kauab (prima del 2589 a.C. – prima del 2566 a.C.) è stato un principe egizio della IV dinastia.

BiografiaModifica

Fu il figlio più anziano del faraone Cheope (2589 a.C. - 2566 a.C.[1][2]) e della regina Meritites I, e fratellastro dei faraoni Djedefra e Chefren. Nacque forse durante il regno del nonno, re Snefru. Com'era costume diffuso nella famiglia reale egizia, Kauab sposò la propria sorella Hetepheres II: dalla loro unione nacquero la futura regina Meresankh III e i principi Duaenhor, Kaemsekhem e Mindjedef[3].

Kauab morì durante il regno del padre[4], quindi il successivo faraone fu Djedefra, che ne sposò la vedova Meresankh III. Si è tradizionalmente creduto che Djedefra abbia fatto assassinare Kauab, poiché il primo fu sepolto ad Abu Rawash e non nella grande necropoli reale di Giza. La piramide di Djedefra fu profanata, ma oggi si ritiene che ciò sia avvenuto durante il dominio romano dell'Egitto, più di 2500 anni dopo[3].

I titoli di Kauab furono: Officiante di Anubi, Sacerdote di Selkis, Figlio del Corpo del Re, Primogenito del Corpo del Re, Principe ereditario, "Conte", Unico compagno d'amore, Visir[5].

NoteModifica

  1. ^ Clayton, Peter A. Chronicle of the Pharaohs, Thames and Hudson, London, 2006. ISBN 978-0-500-28628-9 p.42
  2. ^ Malek, Jaromir, "The Old Kingdom" in The Oxford History of Ancient Egypt, ed. Ian Shaw, Oxford University Press 2000, ISBN 978-0-19-280458-7 p.88
  3. ^ a b Dodson, Aidan and Hilton, Dyan. The Complete Royal Families of Ancient Egypt. Thames & Hudson. 2004. ISBN 0-500-05128-3
  4. ^ Dodson & Hilton, p.59
  5. ^ Simpson, William Kelly. The Mastabas of Kawab, Khafkhufu I e II. Giza Mastabas 3. Boston: Museum of Fine Arts, 1978. pg 1-8, tavole I-X

Altri progettiModifica