Apri il menu principale
Khiva
località
Xiva
Khiva – Veduta
Localizzazione
StatoUzbekistan Uzbekistan
RegioneKhorezm
DistrettoKhiva
Territorio
Coordinate41°23′N 60°22′E / 41.383333°N 60.366667°E41.383333; 60.366667 (Khiva)Coordinate: 41°23′N 60°22′E / 41.383333°N 60.366667°E41.383333; 60.366667 (Khiva)
Altitudine109 m s.l.m.
Abitanti89 500[1] (2017)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Uzbekistan
Khiva
Khiva
Sito istituzionale

Khiva (uzbeko: Xiva, Хива; in russo: Хива?, traslitterato: Chiva; persiano: خیوه 'Khiveh'; nome alternativi o storici comprendono Khorasam, Khoresm, Khwarezm, Khwarizm, Khwarazm, Chiwa e Chorezm) è l'antica capitale della Corasmia e del khanato di Khiva e ai giorni nostri è situata nella provincia uzbeka del Khorezm. L'Ichon-Qala di Khiva è stato il primo sito in Uzbekistan ad essere iscritto tra i Patrimoni dell'umanità nel 1991.

Secondo il mito, sarebbe stato Sem, figlio di Noè, a fondare la città.

StoriaModifica

 
Il pittore Vasilij Vereščagin ha rappresentato la presa di Khiva da parte delle forze russe.

Anche se si hanno tracce della città intorno all'VIII secolo, allorché Khiva è citata come una piccola fortezza e un centro commerciale sulla Via della Seta, le prime informazioni certe risalgono al XVI secolo, quando essa divenne capitale del Khanato di Khiva nel 1592. Per molto tempo la città viene ricordata per il mercato degli schiavi che destò l'attenzione della Russia e nel 1717 un esercito di circa 4000 uomini giunse a Khiva al comando del principe Aleksandr Bekovič.

Intanto conflitti che riguardavano il regno divamparono, prima contro l'emiro di Bukhara, e poi contro Nadir Shah di Persia che nel 1740 distrusse la città. Ricostruita verso la fine del XVIII secolo, essa ritornò al commercio degli schiavi che le stava dando grandi vantaggi.

Nel 1873 il generale russo Konstantin von Kaufman, con un esercito che poteva contare 13.000 unità, conquistò in pochissimo tempo città e regno che diventarono vassalli dello zar. Ufficialmente il khanato di Khiva, venne abolito nel 1920, sostituito da Michail Frunze con la Repubblica Popolare del Khorezm. In seguito, nel 1924, venne inglobata nell'Uzbekistan.

MonumentiModifica

La maggior parte dei monumenti della città si trovano all'interno delle mura di Itchan Kala che è anche patrimonio UNESCO.

Khiva
Mura della città

Porte di ingressoModifica

MadraseModifica

Altri monumentiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN130221816 · LCCN (ENn83052764 · GND (DE5527280-0 · BNF (FRcb12543696c (data) · WorldCat Identities (ENn83-052764