Apri il menu principale
Kilowatt Festival
LuogoSansepolcro
Anni2003 - oggi
Fondato daAssociazione CapoTrave / Kilowatt
DateMetà di luglio
GenereTeatro contemporaneo, danza contemporanea, arti performative, musica, nouveau cirque
Sito ufficiale

Kilowatt Festival, l'energia della scena contemporanea è un festival riservato alle nuove produzioni di compagnie professionali di teatro contemporaneo, danza, arti performative e musica che si svolge dal 2003 a Sansepolcro, in Valtiberina Toscana.

StoriaModifica

Fondato nel 2003, per iniziativa della compagnia teatrale CapoTrave, il festival è diretto dal regista e drammaturgo Luca Ricci[1][2].

Il festival si orienta alla ricerca e all'innovazione dei linguaggi scenici, ospitando e coproducendo spettacoli di teatro, danza, musica e circo, nonché formati multidisciplinari, favorendo la commistione tra le arti. Dalla prima edizione a oggi hanno preso parte alla manifestazione oltre 350 gruppi e più di 1.200 artisti, tra italiani e internazionali. Tra gli italiani, sono stati ospitati al festival Elio Germano, Andrea Cosentino, Daniele Timpano, Maria Paiato, Lucia Calamaro, Babilonia Teatri, Iaia Forte, Claudio Morganti, Teatro Sotterraneo, Davide Iodice, Mariangela Gualtieri, Ascanio Celestini, Teatro delle Albe, per il teatro; Roberto Castello, Giorgio Rossi, Michele Abbondanza, Enzo Cosimi, Virgilio Sieni, per la danza; Alessandro Mannarino, Massimo Zamboni, Paolo Benvegnù, Cesare Basile, Giorgio Canali, Federico Fiumani, Massimo Bubola, Andrea Appino, Ginevra Di Marco, Gianni Maroccolo, Raphael Gualazzi, Bobo Rondelli, Eugenio Finardi, Omar Pedrini, John De Leo, per la musica, oltre a numerosi artisti del circo[3][4]. Importante anche l'attenzione alla drammaturgia contemporanea italiana. A Kilowatt Festival sono andati in scena testi di Stefano Massini, Michele Santeramo, Emanuele Aldrovandi, Tindaro Granata, Chiara Boscaro, Marco Di Stefano, Chiara Lagani.[5]

Il festival ospita inoltre un'ampia sezione di artisti internazionali, anch'essi dediti ai linguaggi della sperimentazione. Tra questi: César Brie, Leo Bassi, Claire Dowie, Michael De Cock, Gianina Carbunariu, Daniel Hellmann, e molti altri.

L'elemento di maggiore originalità del festival è la sezione denominata Selezione Visionari, in base alla quale un gruppo di spettatori locali, cioè cittadini appassionati di teatro e danza e non addetti-ai-lavori, scelgono, in completa autonomia, nove dei circa cinquanta spettacoli presentati nel cartellone del festival[3][6][7][8].

Fanno parte del programma del festival anche mostre e installazioni di arte visiva, incontri letterari, reading, convegni. Durante la settima edizione del festival, nel 2009, è nato il progetto che ha portato nel 2010 alla fondazione di CReSCo, il Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea, che è stato presieduto per i primi due anni da Luca Ricci[9].

Dal 2013, lo staff del festival gestisce il Teatro alla Misericordia di Sansepolcro dove, durante l'anno, organizza il programma di ospitalità e residenze creative denominato Kilowatt Tutto l'Anno[10].

Per il quadriennio 2014-18 la Commissione Europea, nell'ambito del programma Creative Europe, ha finanziato il progetto di cooperazione su larga scala Be SpectACTive! del quale il direttore di Kilowatt, Luca Ricci, è coideatore e project-manager, il Comune di Sansepolcro è capofila e CapoTrave/Kilowatt è uno dei partner[8][11]. Il progetto è stato rifinanziato dalla Unione europea anche per il quadriennio 2018-2022 con CapoTrave/Kilowatt come capofila di un partenariato di 19 enti e istituzioni culturali.

PremiModifica

Nel 2010 il festival ha vinto il Premio UBU, diretto da Franco Quadri, con la seguente motivazione: «Per l'attività di sguardi incrociati tra pubblico, artisti e critici, in cui è nascosta la forza eversiva di un punto di vista davvero nuovo. Coinvolto in questa gara popolare un gruppo di spettatori ribattezzati Visionari, cittadini appassionati ma non esperti, che partecipano alla scelta degli spettacoli e insieme a critici vecchi e nuovissimi si impegnano nella ricerca di un teatro da pensare e costruire»[12][13].

Nel 2013 Luca Ricci ha ottenuto il Premio Nico Garrone per il progetto di produzione NeXtwork, realizzato da Kilowatt in collaborazione con il Teatro dell'Orologio di Roma[14][15].

Nel 2017 CReSCo, l'organizzazione della quale Kilowatt è stata uno dei principali promotori, ha vinto il Premio Ubu nella sezione Progetti Speciali[16].

NoteModifica

  1. ^ Miriam Zamparella, Kilowatt festival, l'Italia che mi piace. Huffington Post, 11 agosto 2014.
  2. ^ Franco Quadri, Quanta energia in questo Kilowatt, in Repubblica, 24 luglio 2010, p. 38.
  3. ^ a b Kilowatt Festival La selezione dei visionari. ATeatro.it, 15 dicembre 2007
  4. ^ Quattordici anni di Kilowatt, guest list 2003-2016.
  5. ^ Maria Dolores Pesce, Kilowatt Festival 2019, su dramma.it. URL consultato l'11 agosto 2019.
  6. ^ Saverio Verini. Spettatori, venite a scegliere i titoli. L'Unità, 11 gennaio 2011, p. 43.
  7. ^ Anna Bandettini, Teatro, al festival dei trentenni lo spettatore sceglie il suo show, in Repubblica, 23 luglio 2010, p. 48.
  8. ^ a b Rossella Porcheddu, Kilowatt Festival 2015. Col teatro in mezzo. Teatro e Critica, 7 agosto 2015.
  9. ^ Anna Bandettini, La scena contemporanea: Cresco dunque sono. Repubblica.it, 29 gennaio 2012.
  10. ^ Andrea Falcone, Kilowatt tutto l'anno: da una residenza condivisa, un festival diffuso. DelTeatro.it, 23 gennaio 2014.
  11. ^ Marco Menini,L'esperienza di Kilowatt alla conquista dell'Europa. KlpTeatro.it, 20 ottobre 2014.
  12. ^ Anna Bandettini, Il meglio del teatro nei Premi Ubu. Post Teatro, in Repubblica.it, 16 dicembre 2010.
  13. ^ Premi Ubu 2010: and the winners are... Archiviato il 6 marzo 2016 in Internet Archive.. TeatroTeatro.it, 14 dicembre 2010.
  14. ^ Anna Bandettini,I premi Nico Garrone a Timpano, Ricci e Guidi. Post Teatro, in Repubblica.it, 20 agosto 2013.
  15. ^ NeXtwork a Roma Archiviato il 20 ottobre 2013 in Internet Archive.. L'Unità, 20 aprile 2013, pag. 22.
  16. ^ Redazione, Premi Ubu per il Teatro 2017. Lanouvellevague.it, 16 dicembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro