Apri il menu principale

La storia di una capinera (film 1943)

film del 1943 diretto da Gennaro Righelli

TramaModifica

Maria è una novizia che viene rimandata a casa perché è scoppiata un'epidemia di colera. In campagna, la ragazza che era stata destinata al convento dalla famiglia e non per sua vocazione, si trova a contatto con il figlio dei vicini di casa, Nino. Viene presa da un interesse per lui che ben presto si trasforma in amore, gelosia e possesso. Rimandata in convento, il giovane sposerà la sorellastra e Maria, straziata dal dolore, morirà come una capinera in gabbia.

La criticaModifica

Fabrizio Sarazani nelle pagine de Il Tempo dell'11 marzo 1945:

«Con questo commovente romanzo Verga si acquistò la prima rinomanza. Il film è onesto e chiaro, si mantiene appoggiato al testo, ne segue le linee. La regia di Righelli appare dunque viva per intelligenza e buon gusto, malgrado certe sequenze più lunghe del necessario, interpretazione accurata»

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema