Apri il menu principale

Lady Elliot Island

Lady Elliot Island
Lady Elliot Island.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar dei Coralli
Coordinate24°07′S 152°43′E / 24.116667°S 152.716667°E-24.116667; 152.716667Coordinate: 24°07′S 152°43′E / 24.116667°S 152.716667°E-24.116667; 152.716667
ArcipelagoIsole Capricorn e Bunker
Superficie0,42 km²
Geografia politica
StatoAustralia Australia
Stato federatoQueensland Queensland
Local government areaRegione di Gladstone
Cartografia
Mappa di localizzazione: Australia
Lady Elliot Island
Lady Elliot Island
voci di isole dell'Australia presenti su Wikipedia

Lady Elliot Island è un'isola corallina che fa parte del gruppo Capricorn e Bunker. È la più meridionale ed è discosta dalle altre isole del gruppo. Si trova al largo della costa centrale del Queensland, in Australia. Appartiene alla Local government area della Regione di Gladstone e fa parte del Capricornia Cays National Park[1][2].

GeografiaModifica

Lady Elliot Island si trova 135 km a sud-est di Gladstone e 85 km a nord-est di Bundaberg. L'isola ha un'area di 42 ha.[3]

FaunaModifica

Lady Elliot Island è un importante habitat per la nidificazione delle tartarughe marine: tra novembre e marzo arrivano sulla spiaggia esemplari di tartaruga verde e di tartaruga comune per deporre un numero di uova compreso tra le 80 e le 120 unità e per più di nove volte durante la stagione.

L'isola si trova a nord di Hervey Bay, famosa zona di riproduzione delle balene, che si avvistano comunemente nelle acque intorno all'isola in inverno e all'inizio della primavera da giugno a ottobre.

Un'altissima diversità di specie di uccelli è presente sull'isola: una sottospecie di rallo bandecamoscio (Gallirallus philippensis mellori) e di occhialino dorsogrigio (Zosterops lateralis chlorocephalus), la sula fosca, la fregata minore. Molte specie di sterne: sterna dalle redini, crestata, fuligginosa, nucanera, stolida nera e di Dougall. Il fetonte codarossa, il gabbiano australiano, la berta del Pacifico e la garzetta di Reef.

StoriaModifica

 
Il faro dell'isola

L'isola è stata ufficialmente scoperta e denominata nel 1816 dal capitano Thomas Stuart a bordo della nave Lady Elliot. La nave portava il nome dalla moglie di Sir Hugh Elliot[4], governatore coloniale dell'India.[3]

Nel 1863 iniziò sull'isola l'estrazione del guano. L'operazione coinvolse la rimozione di tutti gli alberi. Nel 1873, l'estrazione di guano cessò, ma il danno alla vegetazione dell'isola fu assoluto.[5] Solo nel 1966 fu intrapreso un programma di ripristino della vegetazione.

Nel 1873 fu costruito sull'isola un faro.[6]

NoteModifica

  1. ^ (EN) About Capricornia Cays, su npsr.qld.gov.au. URL consultato il 17 marzo 2018.
  2. ^ Mappa: Capricornia Cays National Park map (PDF), su npsr.qld.gov.au. URL consultato il 17 marzo 2018.
  3. ^ a b (EN) The History of Lady Elliot Island (PDF), su ladyelliot.com.au. URL consultato il 19 marzo 2018.
  4. ^ (EN) Hugh Elliot, su geni.com. URL consultato il 19 marzo 2018.
  5. ^ (EN) Mining the reefs and cays: coral, guano and rock phosphate extraction in the Great Barrier Reef, Australia, 1863-1945 (PDF), su researchonline.jcu.edu.au. URL consultato il 20 marzo 2018.
  6. ^ (EN) The Lady Elliot Island Lighthouse, su lighthouses.org.au. URL consultato il 19 marzo 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica