Le Chambon-sur-Lignon

comune francese
Le Chambon-sur-Lignon
comune
Le Chambon-sur-Lignon – Stemma
(dettagli)
Le Chambon-sur-Lignon – Veduta
Il municipio
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneAlvernia-Rodano-Alpi
DipartimentoBlason département fr Haute-Loire.svg Alta Loira
ArrondissementYssingeaux
CantoneMézenc
Territorio
Coordinate45°03′N 4°18′E / 45.05°N 4.3°E45.05; 4.3 (Le Chambon-sur-Lignon)Coordinate: 45°03′N 4°18′E / 45.05°N 4.3°E45.05; 4.3 (Le Chambon-sur-Lignon)
Superficie41,97 km²
Abitanti2 869[1] (2009)
Densità68,36 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale43400
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE43051
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Le Chambon-sur-Lignon
Le Chambon-sur-Lignon
Sito istituzionale

Le Chambon-sur-Lignon è un comune francese di 2.869 abitanti situato nel dipartimento dell'Alta Loira nella regione dell'Alvernia-Rodano-Alpi.

Giusti tra le nazioniModifica

Il paese è noto per l'eroismo dei suoi abitanti che, durante la Seconda guerra mondiale, si adoperarono per salvare gli ebrei dalla deportazione nazista, ospitandoli nelle loro case durante la loro fuga. Si stima che grazie ai loro sforzi salvarono tra i 3.000 e i 5.000 ebrei da morte certa. I cittadini del comune sono stati riconosciuti Giusti tra le nazioni nel 1990 e a loro è dedicato un giardino all'interno del museo Yad Vashem.[2]

Tra gli ebrei salvati dallo sterminio c'era Eric Schwam, ebreo profugo dall'Austria, morto il giorno di Natale del 2020 a 90 anni, che per gratitudine ha lasciato in eredità al comune di Le Chambon-sur-Lignon la considerevole cifra di due milioni di euro.[3]

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti


AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Le Chambon-sur-Lignon sul sito Yad Vashem, su www1.yadvashem.org. URL consultato l'8 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2010).
  3. ^ Tonia Mastrobuoni, Francia, un ebreo austriaco lascia l'eredità al paesino della Loira che salvò la sua famiglia dai nazisti, in repubblica.it, 31 gennaio 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN167439389 · LCCN (ENn79139291 · GND (DE4099421-1 · BNF (FRcb15259956h (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79139291
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia