Licenza di porto di armi in Italia

Libretto personale per licenze di porto d'armi
Nome localePorto d'armi
NazioneItalia Italia
TipoLicenza di porto di armi
Rilasciato da
  • Questura (Licenza di porto di arma lunga per il tiro a volo, Licenza di porto di fucile anche per uso di caccia, Licenza di porto di fucile per difesa personale)
  • Prefettura (Licenza di porto d'arma corta o di bastone animato per difesa personale, Licenza di porto d'armi per difesa personale a guardie particolari giurate)
Durata validità5 anni
Zona validitàItalia Italia

La licenza di porto di armi in Italia è una particolare autorizzazione amministrativa che permette ai cittadini italiani che ne sono titolari di portare o trasportare un'arma al di fuori della propria abitazione. Essa funge anche da documento di riconoscimento in Italia.

Descrizione generaleModifica

La vendita o la cessione di armi comuni a privati con licenza di porto d'armi è possibile ai soli maggiori di anni 18 ottenendo dal questore apposita autorizzazione (detta formalmente nulla osta) ovvero una licenza di detenzione di armi in Italia. Esso ha validità di 5 anni, rinnovabile per un uguale periodo di tempo, e consente l'acquisto di armi e munizioni nelle quantità specificate e il trasporto su tutto il territorio nazionale, o in casi specifici fino al luogo di detenzione, se specificato espressamente. La licenza di porto dà diritto a portare l'arma di cui alla licenza e trasportare tutte le armi da fuoco al di fuori della propria abitazione. Importante a tal fine è la differenza tra porto e trasporto di un'arma:

  • Per porto di un'arma si intende la pronta disponibilità della stessa a esser brandita in qualsiasi momento senza difficoltà, anche se scarica, e/o la suscettibilità di un suo utilizzo immediato (es. pistola in fondina, fucile in spalla);
  • Per trasporto di un'arma si intende il mero spostamento da un luogo all'altro effettuato seguendo modalità tali da renderla non suscettibile di impiego immediato (es. fucile o pistola in valigetta).

Anche se autorizzati al porto di un'arma, esistono condizioni e luoghi particolari, esplicitati dalla legge, in cui esso resta vietato: è il caso dei locali e mezzi di trasporto pubblici oppure di manifestazioni e seggi elettorali. Il trasporto, se in possesso di una qualunque licenza di porto, può concretizzarsi in ogni momento sull'intero territorio nazionale e non richiede alcuna comunicazione del tragitto all'autorità di pubblica sicurezza, né necessita di autorizzazioni ulteriori. Riguardo agli agenti e ufficiali di pubblica sicurezza, sono previste alcune ipotesi nelle quali essi possono circolare senza essere in possesso di porto d'armi, come ad esempio durante le passeggiate in forma militare.[1] Gli agenti di pubblica sicurezza possono portare senza licenza le armi di cui sono muniti, nel rispetto dei regolamenti in materia.[2]

La modifica delle armi è vietata se le rende più micidiali, occultabili o potenti. L'alleggerimento dello scatto, l'applicazione di sistemi di puntamento, spegnifiamma, compensatori non è considerata modifica d'arma.[3]

RequisitiModifica

La normativa principale ed i requisiti sono indicati nel testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e dal relativo regolamento di attuazione (R.D. 6 maggio 1940, n. 635). La legge 6 marzo 1987 n. 89 introdusse poi l'obbligo di presentazione di certificato medico di idoneità psico-fisica allegato alla richiesta per il rilascio della licenza,[4] la stessa norma prevede che con decreto del Ministero della salute siano definiti i criteri tecnici generali per l'accertamento dei requisiti psicofisici minimi per ottenere il certificato medico di idoneità per il porto delle armi, che attualmente sono stabiliti dal D.M del 28 aprile 1998. Il decreto distingue inoltre tra porto d'armi per uso caccia, uso sportivo.[5] e per uso difesa personale.[5] Il rilascio delle autorizzazioni è precluso a talune particolari categorie di soggetti, come ad esempio gli obiettori di coscienza al servizio militare di leva in Italia. La competenza a rilasciare il predetto certificato è dell'Azienda Sanitaria Locale oppure di un medico appartenente alle forze di polizia italiane o al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

In tal caso la preclusione un tempo era da considerarsi a vita,[6] ma la legge 2 agosto 2007 n. 130 ha introdotto la possibilità per gli obiettori ammessi al servizio civile, una volta decorsi almeno 5 anni dalla data del congedo, di rinunciare al proprio status presentando una dichiarazione irrevocabile all'ufficio per il Servizio Civile Nazionale che, a sua volta, provvederà a informare le strutture statali competenti.[7] Coloro che non abbiano prestato servizio militare di leva in Italia devono essere in possesso di un certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato dall'Unione Italiana Tiro a Segno, previa frequentazione di un corso presso una delle sezioni del predetto ente.[8] In ogni caso, la certificazione deve essere rinnovata trascorsi 10 anni dalla scadenza della licenza, in assenza di rinnovi.

Le pratiche relative alla licenza e il rilascio delle stesso sono di competenza della questura, le licenze inerenti al porto di armi corte o di bastone animato ai fini della difesa personale vengono rilasciate invece dalla prefettura; il controllo di conformità ai requisiti da parte del cittadino e il rilascio di questa licenza è compito dell'ufficio preposto della questura o della prefettura, a seconda della competenza, sotto la cui giurisdizione ha residenza legale il richiedente o comunque il suo domicilio. Il titolare di porto d'armi può portare le armi di cui alla licenza e acquistare e trasportare armi e munizioni entro i limiti prescritti dalla legge. La licenza di porto d'armi infatti può essere rifiutata dal questore o dal prefetto oltre che per le persone condannate per delitti non colposi contro le persone commessi con violenza, per reati contro la persona o il patrimonio, contro lo Stato e l'ordine pubblico, o condannate per diserzione in tempo di guerra o porto abusivo di armi. La licenza può essere rifiutata anche ai condannati per delitti diversi dai predetti (es. sentenza restrittiva dei diritti civili) e a chi non può provare la sua buona condotta o non dà affidamento di non abusare delle armi.[9]

TipologieModifica

Ai sensi della legge italiana, esistono cinque tipologie di licenza di porto d'arma:

  • Licenza di porto di arma lunga per il tiro a volo
  • Licenza di porto di fucile anche per uso di caccia
  • Licenza di porto di bastone animato per difesa personale
  • Licenza di porto d'armi per difesa personale
  • Licenza di porto di fucile per difesa personale

Licenza di porto di arma lunga per il tiro a voloModifica

Rilasciata dalla questura della provincia italiana di residenza, consente il porto di armi lunghe ad anima liscia nei campi di tiro a volo e nei poligoni di tiro, sia pubblici che privati. Autorizza altresì all'acquisto e al trasporto di armi comuni e sportive (incluse le armi corte) e del relativo munizionamento.

In base al d.lgs 10 agosto 2018, n. 104, il libretto e la licenza sono validi 5 anni dalla data di rilascio;[10] tuttavia le armi sportive detenibili aumentano da 6 a 12, e nei caricatori sono consentite fino a 10 cartucce per le armi lunghe e 20 per le armi corte.

Licenza di porto di fucile anche per uso di cacciaModifica

Viene rilasciata dalla questura della provincia di residenza, ma per essa è propedeutico è il conseguimento della licenza per l'attività venatoria;[11] essa autorizza il porto di armi lunghe e, laddove si sia in regola anche con gli adempimenti amministrativi da espletarsi, l'esercizio della caccia in Italia. Autorizza, altresì, il trasporto di armi corte e lunghe verso poligoni di tiro, sia pubblici che privati, dove le suddette possono essere portate. Il titolare, inoltre, è autorizzato all'acquisto e al trasporto di armi e munizioni, ma solo nel caso si sia provveduto a pagare la tassa governativa annuale per l'esercizio della caccia.[12] Le Questure, in ottemperanza ad una risalente circolare del Ministero dell’Interno del 22 novembre 1984, salva motivata richiesta dell’interessato, elidono dalla licenza la locuzione “ANCHE”. La licenza rilasciata “SOLO” per uso di caccia permette il porto del fucile esclusivamente nei luoghi, periodi ed orari ove è possibile praticare l’attività venatoria (Cassazione Penale, n. 44170/2009). Pertanto senza la locuzione “ANCHE” non è consentito il porto del fucile in tutti quei luoghi ove la caccia è vietata si pensi ad es. ai campi di tiro a volo o alle zone addestramento cani con sparo, ed ancora, nell’attività di Selecontrollo agli ungulati svolta durante i periodi di chiusura generale della caccia (primo febbraio - terza domenica di settembre). Ulteriore divieto interviene nella possibilità di porto, durante l’esercizio venatorio, degli strumenti da punta e taglio facoltà consentita ai soli cacciatori muniti della locuzione “ANCHE” ai sensi dell’art. 13 comma 6 della legge 157/1992. Il libretto e la licenza sono validi 5 anni dalla data di rilascio. Per poter esercitare l'attività venatoria oppure acquistare armi o munizioni è necessario il versamento annuale delle tasse di concessione governativa. Una circolare del Ministero dell'Interno del 20 maggio 2016 ha stabilito che la licenza di caccia, pur avendo validità di 5 anni,[10] non consente l'acquisto e il trasporto di armi da fuoco e munizioni nel caso non si sia pagata la tassa annuale per l'esercizio venatorio.[13]

Licenza di porto di bastone animatoModifica

Il rilascio è di competenza di competenza del prefetto e consente al suo titolare di portare con sé bastoni animati; è l'unico caso in cui la legge vigente consente il porto, fuori dall’abitazione, di un’arma propria da punta e taglio, eccezione a quanto previsto dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza del 1931. La durata della licenza è di un anno.

Licenza di porto d'arma per difesa personaleModifica

E' rilasciata dalla prefettura italiana della provincia di residenza, questa licenza è ottenibile solo in caso di dimostrato bisogno e pertanto il rilascio è discrezionale. Autorizza il porto di armi corte e altresì il trasporto di armi corte e lunghe verso i poligoni di tiro, sia pubblici che privati. Il titolare, inoltre, è autorizzato all'acquisto e al trasporto di armi e munizionamento comuni. Il libretto è valido 5 anni dalla data del rilascio, pur comportando il rinnovo della licenza e il versamento della relativa tassa di concessione governativa con cadenza annuale.

La disciplina prevista per i privati e la stessa di quella delle guardie particolari giurate, le differenze sono la durata della validità del libretto di 6 anni dalla data del rilascio e il ridotto ammontare della tassa di concessione governativa il cui versamento è previsto per il rinnovo con cadenza biennale.

Licenza di porto di fucile per difesa personaleModifica

Rilasciata dalla Questura della provincia di residenza, questa licenza è ottenibile solo in caso di dimostrato bisogno, e pertanto il rilascio è discrezionale e limitato. Autorizza il porto di armi lunghe per difesa personale, e il porto di armi corte e lunghe nei poligoni di tiro, sia pubblici che privati. Il titolare, inoltre, è autorizzato all'acquisto e al trasporto di armi e munizionamento comuni. Il libretto è valido 5 anni dalla data del rilascio subordinatamente al rinnovo annuale della licenza. Il rinnovo della licenza comporta il versamento della relativa tassa di concessione governativa.

Disposizioni per particolari soggettiModifica

In generale vi sono specifiche disposizioni per gli appartenenti alle forze di polizia italiane e forze armate italiane come ad esempio il porto senza licenza per difesa personale nei casi previsti nel caso dei soggetti indicati dall’art. 73 del R.D. 6 maggio 1940 n. 635;[14] inoltre agli ufficiali delle forze armate in servizio permanente attivo la licenza può essere concessa in modo gratuito dal Prefetto.[15]

La limitazione al porto delle sole armi d’ordinanza (quelle cioè consegnate in assegnazione individuale dalle amministrazioni d’appartenenza) è prevista esclusivamente per gli agenti di pubblica sicurezza; per le categorie indicate nel richiamato art. 73 primo comma nonché per la nuova qualifica dei sostituti ufficiali di pubblica sicurezza non sussiste la limitazione all’arma d’ordinanza che dunque è estesa ad ulteriori tre armi comuni. La facoltà di porto è in ogni caso concessa esclusivamente per difesa personale.

La legge 1º aprile 1981, n. 121 prevede inoltre il divieto di portare durante il servizio un'arma diversa da quella di ordinanza,[16][17] ad esclusione dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Per tutti gli appartenenti a questi ultimi due corpi, facendo parte anche delle forze armate italiane ed essendo qualificati come militari permanentemente in servizio, vigono, senza soluzione di temporalità, le prerogative sono indicate dall’art. 30 della legge 18 aprile 1975, n. 110.[18] In tal caso, nella sola ipotesi di porto di altra arma invece di quella d’ordinanza, nella condizione di servizio comandato con specifico ordine di servizio, ove è obbligatorio l’uso dell’armamento in dotazione, si avrebbe la violazione dell'art. 120 del codice penale militare di pace mentre, nella situazione di porto, in servizio comandato, di arma ulteriore o di porto di altra arma rispetto a quella d’ordinanza, nel caso di militare in servizio non specificamente comandato (detto informalmente "libero dal servizio comandato") è operativa la previsione normativa di cui alla norma del 1975.

NoteModifica

  1. ^ Regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, articolo 29
  2. ^ Regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, articolo 73
  3. ^ Alterazione di armi, su www.tiropratico.com.
  4. ^ Art. 1 comma 1 legge 6 marzo 1987, n. 89, su edizionieuropee.it.
  5. ^ a b Art. 1 D.M. 28 aprile 1998
  6. ^ Art. 1 lettera b) comma 6 legge 8 luglio 1998, n. 230, su gazzettaufficiale.it.
  7. ^ Art. 1 comma 7-ter legge 2 agosto 2007 n. 130, su edizionieuropee.it.
  8. ^ Vedasi in proposito l'art. 1 legge 28 maggio 1981, n. 286 e art. 251 d.lgs. 15 marzo 2010 n. 66
  9. ^ Art. 43 R.D. 18 giugno 1931 n. 773, su edizionieuropee.it.
  10. ^ a b In origine 6 anni, poi ridotti a 5 dal d.lgs. 10 agosto 2018, n. 104 emanato in attuazione della direttiva UE 2017/853 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, che modifica la direttiva 91/477/CEE del Consiglio, relativa al controllo dell’acquisizione e della detenzione di armi.
  11. ^ Legge 11 febbraio 1992, n. 157, articolo 22, in materia di "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio."
  12. ^ Porto d’armi caccia-tiro a volo e a segno e pagamento della tassa di concessione governativa: le novità in materia, su Federcaccia Brescia, 1º febbraio 2017. URL consultato il 15 agosto 2017.
  13. ^ Ministero dell'interno, Circolare del Ministero dell'Interno (PDF), su www.poliziadistato.it, 20 maggio 2016.
  14. ^ Art. 73 R.D. 6 maggio 1940 n. 635, su edizionieuropee.it.
  15. ^ Art. 75 R.D. 6 maggio 1940 n. 635, su edizionieuropee.it.
  16. ^ Art. 18 legge 1º aprile 1981, n. 121., su edizionieuropee.it.
  17. ^ Art. 77 legge 1º aprile 1981, n. 121., su edizionieuropee.it.
  18. ^ Art. 30 legge 18 aprile 1975, n. 110., su edizionieuropee.it.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2008120621