Apri il menu principale
Little Records
StatoItalia Italia
Fondazione1969
Fondata daLittle Tony
Chiusuraanni 1970
Sede principaleRoma
SettoreMusicale
ProdottiPop

La Little Records è stata una casa discografica italiana, attiva tra gli anni sessanta e gli anni settanta.

Storia della Little RecordsModifica

La Little Records venne fondata da Little Tony sia per la realizzazione dei suoi dischi in maniera autonoma sia per scoprire e lanciare nuovi talenti, sul modello di ciò che avevano fatto pochi anni prima Adriano Celentano con il Clan Celentano e Mina con la PDU (e che nello stesso periodo stavano facendo Mogol e Lucio Battisti con la Numero Uno).

Come direttore artistico venne chiamato il Maestro Gianni Mazza che collaborò alla realizzazione di quasi tutte le incisioni dell'etichetta; altri collaboratori di essa, come musicisti, arrangiatori e produttori, furono i fratelli di Little Tony, Enrico ed Alberto Ciacci.

Tra i cantanti dell'etichetta ricordiamo Gaby Verusky, Sara Simone e Franco Tortora; questi ultimi due rappresentarono l'etichetta alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia del 1970 la Simone (con Delusione) e a Un disco per l'estate 1972 Tortora con Un due tre.

Nel corso della sua esistenza l'etichetta si affiderà per la distribuzione alla Phonogram, alla RCA Italiana, alla EMI Italiana ed infine alla Durium, variando nel tempo il logo iniziale, costituito da tre dadi su sfondo arancione, cambiando il colore di fondo dapprima in blu e poi in nero.

All'inizio del 1974 la Little Records chiuse le attività.

I dischi pubblicatiModifica

Per la datazione ci siamo basati sull'etichetta del disco, o sul vinile o, infine, sulla copertina; qualora nessuno di questi elementi avesse una datazione, ci siamo basati sulla numerazione del catalogo; se esistenti, abbiamo riportato oltre all'anno il mese e il giorno (quest'ultimo dato si trova, a volte, stampato sul vinile).

33 giriModifica

45 giriModifica

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
LR 2001 1969 Little Tony Nostalgia/Diceva che amava me
LR 2002 1970 Little Tony La spada nel cuore/Lei
LR 2003 1970 Little Tony Cuore ballerino/Lasciami vedere il sole
LR 2004 1970 Gaby Verusky Arrivederci amore mio/Se non ti basta più
LR 2005 1970 Sara Simone Gocce di pioggia/Delusione
LR 2006 1970 Little Tony Capelli biondi/Notte notte notte
LR 2008 1970 Little Tony Azzurra/Questa notte brucio più che all'inferno
LR 2009 1971 Little Tony La folle corsa/Credevo nell'amore di una donna
LR 2010 1971 Sara Simone Mai mai/L'hai voluto tu
LR 2011 1971 Little Tony Summertime Blues/Bye Bye Love
LR 2012 1971 Little Tony Vento corri...l a notte è bianca/Tu ballerai
LR 2013 1971 Little Tony La mano del Signore/Credi in te
LR 2014 1972 Little Tony Angelo selvaggio/Civetta
LR 2016 1972 Aquavitae Love/Oh Maria
LR 2018 1971 Sara Simone Bussa alla porta/Cuore mio cuore
LR 2019 1972 Franco Tortora Un due tre/A meno di due metri da me
LR 2020 1972 Little Tony Pamela/Get Rosetta On The Phone
LR 2021 1972 Little Tony Ritornerà/Bandito
LR 2022 1972 Franco Tortora Quando il sole nascerà/Nel sole, nel cuore, nella mente
LR 2023 1972 Little Tony Laggiù nella campagna verde/Fuoco di paglia
LR 2024 1973 Franco Tortora Ciao ragazza mia/A meno di due metri da me
LR 2025 1973 Little Tony Come un anno fa/Maggy May
LR 2026 1973 Little Tony Giovane cuore/Ieri senza te
LR 2027 1973 Little Tony Don't You Cry for Tomorrow/Baby I Want to Make with You

BibliografiaModifica

  • I dati concernenti le emissioni discografiche della casa sono stati tratti dai supporti fonografici emessi e conservati (come tutti quelli pubblicati in Italia) alla Discoteca di Stato a Roma.
  • Vari numeri delle riviste Musica e dischi (annate dal 1969 al 1974), TV Sorrisi e Canzoni (annate dal 1959 in poi), Ciao 2001, Qui giovani, e molte altre riviste di argomento musicale.
  • Mario De Luigi, L'industria discografica in Italia, edizioni Lato Side, Roma, 1982
  • Mario De Luigi, Storia dell'industria fonografica in Italia, edizioni Musica e Dischi, Milano, 2008
  • Christian Calabrese, Mazza e il lazzo di Sanremo, intervista a Gianni Mazza pubblicata su Musica leggera, n° 7 del 2009

Voci correlateModifica