Locomotiva FS R.370

La locomotiva a vapore gruppo R.370, era una locomotiva a tre assi (locotender), alimentata a carbone, che le Ferrovie dello Stato costruirono per il servizio sulle linee siciliane a scartamento ridotto con tratte a cremagliera.

FS R.370
Locomotiva a vapore
R.370.023.jpg
La locomotiva R.370.023 esposta al Museo Ferroviario di Pietrarsa
Anni di progettazione 1909
Anni di costruzione 1911
Anni di esercizio 1911-1971
Quantità prodotta 48
Costruttore Costruzioni Meccaniche di Saronno
Dimensioni 7.678 mm x ??? x 3.780 mm
Capacità acqua ? litri,carbone ? kg
Scartamento 950 mm
Interperno 3.000 mm
Passo dei carrelli 1.300 mm - 1.700 mm
Rodiggio 0-3-0
Diametro ruote motrici 950 mm
Distribuzione a cassetto Trick
Potenza continuativa 400 CV
Sforzo trazione massimo 14.000 kg
Velocità massima omologata 40 km/h
Alimentazione carbone

StoriaModifica

 
La locomotiva a vapore R.370.003, in testa ad un treno in arrivo a Valguarnera.

Le locomotive del gruppo R.370 vennero progettate e costruite a partire dal 1909 in previsione dell'entrata in funzione delle ferrovie a scartamento ridotto della Sicilia a servizio dei bacini minerari zolfiferi delle province di Enna, Caltanissetta e Palermo, allora assai importanti dal punto di vista estrattivo ed economico.

Il loro primo impiego fu nella conduzione di convogli per minatori e minerali dei bacini zolfiferi di Lercara, Cianciana, Grottacalda e Floristella.

Vennero utilizzate principalmente sulle linee:

 
Il ruotismo dentato per la cremagliera, appartenente alla locomotiva a vapore R.370.012.

Nel 1932, ne risultano assegnate 16 al deposito locomotive di Piazza Armerina, 20 al deposito di Lercara e 12 al deposito di Licata.

 
Prospetto laterale di una R.370.

A partire dal 1939 dato il crollo della produzione dello zolfo e il conseguente calo del numero dei treni, molte di esse vennero accantonate e le FS decisero di vendere una parte delle locomotive accantonate e inutilizzate ad altre amministrazioni. Tra il 1939 e il 1953 22 locomotive vennero acquisite dalle Ferrovie Meridionali Sarde con un primo lotto di quindici locomotive che private della ruota dentata vennero utilizzate sulle linee della Sardegna, con ottime prestazioni, per i treni merci dei bacini carboniferi del Sulcis a quell'epoca molto importanti sia a causa dell'"embargo" a cui era sottoposta l'Italia, sia perché in prossimità del conflitto mondiale e altre sette R.370 vennero vendute alle suddette Ferrovie sarde nel dopoguerra.

Si dimostrarono delle macchine robuste ed affidabili grazie alla loro massa tutta aderente e al basso peso per asse, di poco più di 12 tonnellate e furono utilizzate sia nel servizio merci che in quello viaggiatori. Prestarono servizio sulla rete FS fino al 1971, anno di chiusura della linea Dittaino-Piazza Armerina-Caltagirone, ultima linea FS a sr con tratte armate con cremagliera.

CaratteristicheModifica

 
La locomotiva R.370.012, monumentata alla stazione di Catania Centrale, 24 Maggio 2022.

Le locomotive del gruppo R.370, sono strettamente imparentate con le locomotive a scartamento ordinario 980, di cui ricalcano l'impostazione tecnica e meccanica; infatti sia la distribuzione che la trasmissione del moto, sono simili. Hanno la stessa funzionalità il freno a nastro e il ruotismo dentato che ingrana la cremagliera, ai fini della trazione, comandato dal proprio gruppo cilindri.

 
Locomotiva a vapore R.370.012 nel tratto a cremagliera Mulinello-Valguarnera della linea ferroviaria Dittaino-Piazza Armerina-Caltagirone

Deposito locomotive di assegnazioneModifica

  • Deposito locomotive di Piazza Armerina: n.16 unità
  • Deposito locomotive di Lercara: n.20 unità
  • Deposito locomotive di Licata: n.12 unità

Esemplari preservatiModifica

Alcuni esemplari sono sopravvissuti e attualmente esistono monumentate/conservate cinque unità tra le quali:

  • la R.370.002, fa parte di una collezione privata a Monterotondo[1];
  • la R.370.012, esposta sul lato sud del primo marciapiede della Stazione di Catania Centrale;
  • la R.370.023, esposta nel Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa;
  • la R.370.018, esposta presso il Museo Modellismo Ferroviario Gioacchino Capelletti a Città di Castello (PG), che sarà riportata a Piazza Armerina[2];
  • la R.370.024 esposta al Museo della Grande Guerra di Canove di Roana nell'Altopiano di Asiago.

NoteModifica

  1. ^ Ferrovie in Calabria incontra Vittorio Di Giacomo, su ferrovieincalabria.it. URL consultato il 12 dicembre 2022.
  2. ^ Copia archiviata, su ferroviediselinunte.it. URL consultato il 23 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016)., URL consultato in data 23-06-2014.

BibliografiaModifica

Fonti a stampaModifica

  • Ferrovie dello Stato, Album dei tipi, 1915-1923, Ferrovie dello Stato, 1915.
  • Servizio materiale e trazione, La locomotiva a vapore, Firenze, Ferrovie dello Stato, 1971.
  • Servizio materiale e trazione, Norme per il servizio pratico con locomotive a vapore, Firenze, Ferrovie dello Stato, 1971.

Storiografia e complementiModifica

  • Peter Michael Kalla-Bishop, Mediterranean island railways, Newton Abbot, David & Charles, 1970..
  • Ettore Caliri, La ferrovia Castelvetrano-Ribera e il suo caratteristico materiale rotabile, in Italmodel Ferrovie, n. 232, 1979.
  • Nico Molino, La rete FS a scartamento ridotto della Sicilia, Torino, Elledi, 1985, ISBN 88-7649-037-X.
  • Peter Michael Kalla-Bishop, Italian State Railways steam locomotives, Abingdom, R. Tourret, 1986, ISBN 0-905878-03-5.
  • Angelo Nascimbene, Aldo Riccardi, 1905-2005. Cento anni di locomotive a vapore delle Ferrovie dello Stato, in Tutto treno tema, n. 20, 2005.
  • Aldo Riccardi, R 370. Le arrampicatrici della Trinacria, in Tutto treno 19, n. 203, 2006, pp. 24–32.
  • Nico Molino, Stefano Garzaro, Le locomotive a vapore FS a scartamento ridotto della Sicilia, Desenzano del Garda, Editoriale del Garda, 2011, ISBN 978-88-85105-19-5.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti