Apri il menu principale

Main St. - L'uomo del futuro

film del 2010 diretto da John Doyle
(Reindirizzamento da Main Street - L'uomo del futuro)
Main St. - L'uomo del futuro
Main Street screenshot.png
Colin Firth in una scena del film
Titolo originaleMain Street
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2010
Durata92 min
Generedrammatico
RegiaJohn Doyle
SceneggiaturaHorton Foote
ProduttoreMegan Ellison, Jonah M. Hirsch, Spencer Silna
Casa di produzione1984 Films, Annapurna Pictures
Distribuzione in italianoMinerva Pictures
FotografiaDonald McAlpine
MontaggioNeil Farrell, Richard Francis-Bruce, Trudy Ship
MusichePatrick Doyle
ScenografiaJames Edward Ferrell Jr.
CostumiGary Jones
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Main St. - L'uomo del futuro (Main Street) è un film del 2010 diretto da John Doyle.

Indice

TramaModifica

Le vite di alcuni residenti di una piccola città nel sud degli Stati Uniti cambiano con l'arrivo di uno straniero con in programma il salvataggio di questa decadente cittadina. Affrontando i problemi di tutti i giorni, ogni cittadino cerca un modo per reinventarsi e creare nuove relazioni.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato interamente a Durham, in Carolina del Nord, nell'aprile e maggio del 2009[1]. La sceneggiatura è stata scritta dal vincitore di un premio Pulitzer, Horton Foote, dopo aver fatto visita ad una deserta Durham durante un fine settimana.

La Myriad Pictures ha comprato i diritti di distribuzione internazionale nel maggio del 2009. Il film è stato promosso al Festival di Cannes del 2009 dai suoi produttori e protagonisti[2][3].

DistribuzioneModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Brush with fame starts with day on 'Main Street', The Durham News, 27 maggio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2011).
  2. ^ (EN) Bay City native rubs elbows with Hollywood stars, mlive.com, 21 maggio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  3. ^ (EN) Tarantino gets Cannes off and running, variety.com, 21 maggio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2011.

Collegamenti esterniModifica