Apri il menu principale
MAIS BIANCOPERLA
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneVeneto
Zona di produzioneProvince di Padova, Treviso, Venezia Orientale e la parte orientale del territorio vicentino.
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreProdotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

Il mais Biancoperla è una tipo di mais dal quale si ottiene una farina riconosciuta come prodotto tipico veneto[1], presidio di Slow Food. Le pannocchie sono affusolate con grandi chicchi vitrei, bianco perlacei e brillanti. Il biancoperla è una varietà di mais ad impollinazione libera (auto-fecondante).

Indice

StoriaModifica

 
Polenta bianca saltata alla piastra

Giacomo Agostinetti, agronomo di Cimadolmo, nei suoi Cento e dieci ricordi che formano il buon fattor di villa (edito alla fine Seicento) segnala la presenza diffusa di un "sorgoturco bianco", progenitore dell'attuale varietà Biancoperla, specie nel “Quartier del Piave”. La sua massiccia diffusione si colloca tuttavia nella seconda metà dell'Ottocento, grazie alla sua maggiore conservabilità rispetto alle concorrenti varietà dell'epoca. A partire dagli anni Cinquanta del Novecento, la produzione del Biancoperla è andata riducendosi, soppiantata da quella delle varietà ibride farinose dalla resa più elevata.

Uso in cucinaModifica

La farina di Mais Biancoperla viene utilizzata per la preparazione della polenta bianca in accompagnamento spesso ai piatti di pesce "povero": marson, schie, moeche, masenete, gamberi, baccalà. Nel veneziano e padovano viene utilizzata anche in abbinamento ad antipasti e carne, sia cotta alla griglia che in umido.

NoteModifica

  1. ^ Elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della Regione Veneto – anno 2012, consultabile su www.regione.veneto.it

Collegamenti esterniModifica