Mammuthus lamarmorae

specie di Animalia
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mammut nano sardo
Immagine di Mammuthus lamarmorae mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Proboscidea
Famiglia Elephantidae
Genere Mammuthus
Specie Mammuthus lamarmorae
Nomenclatura binomiale
Mammuthus lamarmorae
Major, 1883

Il mammut nano sardo (Mammuthus lamarmorae) è un piccolo proboscidato vissuto in Sardegna e probabilmente anche in Corsica durante il Pleistocene.

DescrizioneModifica

In vita non doveva superare i 150 cm al garrese, dal momento che l'omero era lungo circa 45 centimetri; dal raffronto con altri proboscidati insulari è stato possibile ipotizzarne l'altezza. La morfologia delle ossa del carpo e del tarso è simile a quella del mammut delle steppe (Mammuthus trogontherii) più che a quella dell'elefante delle foreste (Palaeoloxodon antiquus), anche se la forma delle articolazioni può cambiare molto durante l'adattamento a differenti ambienti. I molari del mammut nano sardo erano relativamente piccoli, con uno spesso strato di smalto e con una frequenza lamellare ridotta, così come riscontrato in altri proboscidati insulari. Nonostante questi adattamenti, il grado di ipsodontia e le caratteristiche dello smalto e delle lamelle sono più simili a quelle dei mammut che a quelle deglie elefanti.

Scoperta e classificazioneModifica

È specie endemica, probabilmente discendente dall'antenato continentale Mammuthus trogontherii. A differenza degli elefanti nani presenti nelle altre isole del Mediterraneo, considerati paleoloxodontini e imparentati con Palaeoloxodon falconeri, Palaeoloxodon cypriotes ed Elephas chaniensis, il mammut sardo, oltre ad essere l'unico mammut endemico d'Italia, è stato ritrovato sin dal XIX secolo in diverse zone dell'Isola di Sardegna. Resti fossili furono rinvenuti ad Alghero (Tramariglio), Gonnesa (CI)(Funtana Morimenta), Sinis (OR) (Capo San Marco). Purtroppo i resti fossili di questo animale sono piuttosto frammentari, infatti oltre a sporadici ritrovamenti di denti isolati, l'unico esemplare di cui possediamo parte dello scheletro è quello ritrovato presso Gonnesa alla fine del 1800, durante i lavori di costruzione della ferrovia. Di esso sono stati recuperati alcuni frammenti degli arti, del bacino, alcune vertebre, costole e la mandibola. Parte dei resti è andata dispersa, altri sono finiti in musei esteri ed altri ancora in musei italiani. I calchi di buona parte delle ossa ritrovate a Gonnesa sono oggi esposti nel Museo PAS (PaleoAmbienti Sulcitani) di Carbonia. Nel 2016, nei pressi di Alghero, c'è stato un nuovo ritrovamento di resti fossili[1].

NoteModifica

  1. ^ Mammut nani della Sardegna, in National Geographic Italia, 12 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2018).

BibliografiaModifica

  • Davies, P., Lister, A.M., 2001. Palaeoloxodon cypriotes, the dwarf elephant of Cyprus: size and scaling comparisons with P. falconeri (Sicily-Malta) and mainland P. antiquus. The World of Elephants, Proceedings of the 1st International Congress (October 16-20 2001, Rome): 479-480. PDF fulltext
  • Palombo, M.R. 2001. Endemic elephants of the Mediterranean Islands: knowledge, problems and perspectives. The World of Elephants, Proceedings of the 1st International Congress (October 16-20 2001, Rome): 486-491. PDF fulltext
  • Palombo M.R. (2001) - Paedomorphic features and allometric growth in Elephas falconeri skull from Spinagallo (Middle Pleistocene, Sicily). In Cavaretta G., Gioia P., Mussi M., Palombo M.R. (eds.) “The World of Elephants”, pubbl. CNR, Roma, 2001492-496:
  • Palombo M.R. (2003) - Elephas, Mammuthus, Loxodonta, who is the true ancestor of the dwarf elephant of Sicily?. Deinsea, (1999): 273-291, Rotterdam
  • Palombo M.R. (2004) - Dwarfing in Insular Mammals: The Endemic Elephants of Mediterranean Islands. In: Baquedano, E., Rubio, S. (Eds). Homenaje a Emiliano Aguirre. Zona Archeologica 4 (2, Paleontologia) : 354-371, Museo Arqueológico Regional, Madrid
  • Palombo M.R, M.P. Ferretti (2005) - Elephant fossil record from Italy: knowledge, problems, and perspectives. Quaternary International, 126 –128: 107-136, Oxford
  • Palombo M.R., Ginesu S., Melis R.T., Sias S. (2005) - The endemic elephants from Sardinia: an unsolved problem. In ALCOVER, J.A. & BOVER, P. (eds.), Proceedings of the International Symposium “Insular Vertebrate Evolution: the Palaeontological Approach”. Monogr. Soc. Hist. Nat. Balears, 12: 245-254. Palma de Mallorca
  • Palombo M.R., (2006) - The Plio-Pleistocene Mammals from Sardinia: Biochronology and faunal renewal Hantkeniana, 5: 49-55, Budapest
  • Palombo M.R. (2006) – Biochronology of the Plio-Pleistocene terrestrial mammals of Sardinia: the state of the art. Hellenic Journal of Geosciences, 41, 47-66, Athens
  • Palombo M.R. (2007) – How can endemic elephant help us understanding “island rule”? Quaternary International, 169-170: 105-124, Oxford
  • Poulakakis, N., Mylonas, M., Lymberakis, P., Fassoulas, C. 2002. Origin and taxonomy of the fossil elephants of the island of Crete (Greece): problems and perspectives. Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, 2002, 186(1-2), pp 163–183.
  • Poulakakis, N., A. Parmakelis, P. Lymberakis, M. Mylonas, E.Zouros, D. S. Reese, S. Glaberman and A. Caccone. 2006. Ancient DNA forces reconsideration of evolutionary history of Mediterranean pygmy elephantids. Biology Letters, 19 April 2006.
  • Poulakakis N, Theodorou GE, Zouros E, Mylonas M. 2002. Molecular phylogeny of the extinct pleistocene dwarf elephant Palaeoloxodon antiquus falconeri from Tilos Island, Dodekanisa, Greece. Journal of Molecular Evolution: 55(3):364-74.
  • Stone, Richard. Mammoths: The resurrection of an Ice Age giant. London: Fourth Estate, 2001 p. 89 (ISBN 1-84115-518-7)
  • Symeonides, N.K., Theodorou, G.E., Giannopoulos V.I. 2001. New data on Elephas chaniensis (Vamos cave, Chania, Crete). The World of Elephants, Proceedings of the 1st International Congress (October 16-20 2001, Rome): 510-513. PDF fulltext
  • Theodorou, G.E., Agiadi, K., 2001. Observations on the microstructure of fossil tusks from the Charkadio cave (Tilos, Dodekanese, Greece). The World of Elephants, Proceedings of the 1st International Congress (October 16-20 2001, Rome): 563-567. PDF fulltext
  • Tikhonov, A., Agenbroad, L. & Vartanyan, S., 2003 - Comparative analysis of the mammoth populations on Wrangel Island and the Channel Islands - in: Reumer, J.W.F., De Vos, J. & Mol, D. (eds.) - Advances in Mammoth Research (Proceedings of the Second International Mammoth Conference, Rotterdam, May 16-20 1999) - DEINSEA 9: 415-420 [[[ISSN]] 0923-9308 (WC · ACNP)] Published 24 May 2003
  • Van den Bergh, G.D., De Vos, J., Aziz, F., Morwood, M.J. 2001. Elephantoidea in the Indonesian region: new Stegodon findings from Flores. The World of Elephants, Proceedings of the 1st International Congress (October 16-20 2001, Rome): 623-627. PDF fulltext

Voci correlateModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi