Marcantonio IV Borghese

principe italiano (1730-1800)
Marcantonio IV Borghese
V Principe di Sulmona
Stemma
In carica 1763 –
1809
Predecessore Camillo I
Successore Camillo II
Trattamento Sua Eccellenza
Don
Onorificenze Grande di Spagna
Altri titoli VI Principe di Rossano
Nascita Roma, 14 settembre 1730
Morte Roma, 18 marzo 1800
Luogo di sepoltura Roma
Dinastia Borghese
Padre Camillo Borghese, IV principe di Sulmona
Madre Agnese Colonna
Consorte Anna Maria Salviati
Figli Cornelio
Camillo
Francesco
Religione Cattolicesimo

Marcantonio IV Borghese, V principe di Sulmona (Roma, 14 settembre 1730Roma, 18 marzo 1800), è stato un nobile e politico italiano. Fu padre di Camillo Filippo Ludovico Borghese, marito della famosa Paolina Bonaparte, sorella di Napoleone.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Marcantonio nacque a Roma il 14 settembre 1730, figlio di Camillo Borghese, IV principe di Sulmona, e di sua moglie, la principessa Agnese Colonna di Paliano.

MatrimonioModifica

Marcantonio sposò a Roma il 1 maggio 1768 la principessa Anna Maria Salviati (1752-1809), figlia di Averardo Saviati, VII duca di Giuliano e di sua moglie, la principessa Maria Cristina Lante Montefeltro della Rovere.

Principe di SulmonaModifica

Come suo padre, sin da giovane si dedicò, grazie all'ingente patrimonio di famiglia, ai piaceri della vita dell'aristocrazia romana del XVIII secolo, ma dal 1763 quando prese le redini della famiglia dopo la morte del genitore, impegnò la maggior parte del proprio capitale per riparare alla collezione di famiglia parzialmente dispersa da suo padre e nel contempo patrocinò nuovi artisti ed opere: si dedicò al rinnovo completo di Villa Borghese a Roma facendovi costruire una cappella annessa, la Fontana dei Cavalli Marini, il giardino attorno al laghetto centrale del parco ed allestendovi addirittura un museo per raccogliere, conservare e studiare gli antichi reperti ritrovati nei suoi terreni presso il sito archeologico di Gabi, appena fuori Roma.

Per coprire queste spese risultò fondamentale il ricco patrimonio costituito dalla dote della moglie, la principessa Anna Maria Salviati, che come ultima erede della casata portò al marito anche tutti i titoli ed i beni di quest'ultima.

Ultimi anni e morteModifica

Durante gli anni della Repubblica Romana (1798-1799), aderì alla causa francese e venne nominato da Napoleone al ruolo di senatore per il Dipartimento del Clitunno.

Morì a Roma il 18 marzo 1800.

DiscendenzaModifica

Marcantonio Borghese e la principessa Anna Maria Salviati ebbero:

  • Cornelio (1770 - morto giovane);
  • Camillo (1775-1832), VI principe di Sulmona, duca di Guastalla, sposò Paolina Bonaparte;
  • Francesco (1776-1839), VII principe di Sulmona, sposò la duchessa Adele de La Rochefoucauld.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni Battista Borghese, II principe di Sulmona Paolo Borghese  
 
Olimpia Aldobrandini, III principessa di Meldola  
Marcantonio III Borghese, III principe di Sulmona  
Eleonora Boncompagni Ugo Boncompagni, IV duca di Sora  
 
Maria Ruffo  
Camillo Borghese, IV principe di Sulmona  
Carlo Spinola, principe di Sant'Angelo Andrea Spinola, doge di Genova  
 
Cecilia Spinola  
Livia Spinola  
Violante Spinola Filippo Spinola  
 
Livia Centurione  
Marcantonio IV Borghese, V principe di Sulmona  
Lorenzo Onofrio Colonna, VIII principe e duca di Paliano Marcantonio V Colonna, VII principe e duca di Paliano  
 
Isabella Gioeni  
Filippo II Colonna, IX principe e duca di Paliano  
Maria Mancini Lorenzo Mancini  
 
Girolama Mazzarini  
Agnese Colonna di Paliano  
Giovanni Battista Pamphili, II principe di San Martino al Cimino e Valmontone Camillo Francesco Maria Pamphili, I principe di San Martino al Cimino e Valmontone  
 
Olimpia Aldobrandini  
Olimpia Pamphilj  
Violante Facchinetti Innocenzo Facchinetti, III marchese di Vianino  
 
Ippolita Albergati-Capacelli  
 

BibliografiaModifica

  • P. Visconti, Città e famiglie nobili e celebri dello Stato pontificio, vol. III
  • G. Borghezio, I Borghese, Roma, 1954
Controllo di autoritàVIAF (EN52568365 · ISNI (EN0000 0000 6156 5401 · LCCN (ENn2008027298 · GND (DE122343786 · BAV (EN495/254468 · CERL cnp00569131 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008027298
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie