Apri il menu principale

Mario Malagnini (Salò, 12 giugno 1958) è un tenore italiano.

Ha iniziato gli studi musicali nella classe di trombone presso il Conservatorio di Musica di Brescia, successivamente ha studiato canto diplomandosi al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano con il tenore Pier Miranda Ferraro. Ha debuttato il 18 ottobre 1984 come Corrado nel Corsaro di Verdi al Teatro Donizetti di Bergamo. Già l'anno dopo era scritturato dall'Arena di Verona per Attila come Foresto con Evgenij Nesterenko e dalla Deutsche Oper di Berlino per La traviata. Da allora si è esibito in tutti i più importanti teatri del mondo, più di un centinaio, sotto la guida dei più prestigiosi direttori. Nel dicembre 1986 debutta al Teatro alla Scala di Milano come Ismaele in Nabucco diretto da Riccardo Muti con Renato Bruson e Ghena Dimitrova. Nel 1987 per il Teatro La Fenice di Venezia canta nella Messa di Requiem (Verdi) diretto da Eliahu Inbal nella Chiesa di Santo Stefano (Venezia) e nella Chiesa degli Eremitani di Padova. Nel 1988 al Teatro Comunale di Firenze è Gabriele Adorno in Simon Boccanegra diretto da Myung-whun Chung con Maria Chiara, Giorgio Zancanaro e Bonaldo Giaiotti e Pinkerton in Madama Butterfly diretto da Bruno Bartoletti con Catherine Malfitano. Nel 1989 a Bergamo è Mario Cavaradossi in Tosca diretto da Gianfranco Masini con Zancanaro ed Alfredo Mariotti. Nel 1990 a Venezia è Marcello ne La bohème con Bruno Praticò e Pietro Spagnoli. Il suo repertorio comprende una trentina di opere di Verdi, Puccini, Bellini e Cilea.

I ruoli che ha interpretato in un maggior numero di recite, oltre 170 ciascuno, sono quelli di Don Josè nella Carmen di Bizet, di Pinkerton in Madama Butterfly e di Mario Cavaradossi in Tosca. Nel 2003 è Pereo in Mirra (Alaleona) diretto da Juraj Valčuha a Parigi. Recentemente ha affrontato ruoli da tenore lirico spinto come Loris Ipanoff in Fedora di Umberto Giordano alla Scala e alla Staatsoper di Vienna. Nel 2005 ha inaugurato la stagione al teatro Sao Carlos di Lisbona debuttando nell'Otello di Verdi.

DiscografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 1619 5584 · LCCN (ENno2002026847 · WorldCat Identities (ENno2002-026847