Mario Rossi (terrorista)

terrorista italiano

Mario Rossi (Genova, 19 agosto 1942) è un ex terrorista italiano, già capo dell'organizzazione terroristica Gruppo XXII Ottobre.

BiografiaModifica

Nasce a Genova in piazza Grillo Cattaneo da Luigi Rossi, ferroviere comunista perseguitato politico, e Marina Filippi, entrambi di origini emiliane.

Dopo un'infanzia passata con le sorelle Anna e Angela e fino all'età di sette anni nella casa rifugio di via G. Moresco, successivamente entra a far parte dei giovani pionieri. Nel 1950 la famiglia ottiene l'assegnazione di una casa popolare. Frequenta la locale sezione del PCI "Rino Mandoli", dove entra nella FGCI e successivamente nel partito. Organizza, insieme con Rinaldo Fiorani, un giornalino del quartiere ed è animatore di molte iniziative culturali, allestendo col contributo dei giovani dei quartieri della valle una raccolta entomologica che viene visitata dall'allora sindaco di Genova Gelasio Adamoli. Organizza la distribuzione e diffusione della stampa di partito. Conosce Cesare Majno, Giuseppe Piccardo, Aldo De Scisciolo.

Alla morte del padre interrompe gli studi ed è assunto in un'officina, Ferfrigor Porto, ma inizia anche la sua assidua frequentazione presso il Museo di storia naturale di Genova, dove si specializzerà in tassidermia[1]. Nel 1960 partecipa agli scontri di piazza contro i fascisti e la celere del governo Tambroni. Nel 1962 è assunto presso il Museo di Storia Naturale di Milano, diretto da Edgardo Moltoni. I rapporti con il direttore, di orientamento monarchico, si fanno subito molto tesi e dopo due anni Rossi è costretto a lasciare il lavoro. Sempre a Milano apre un laboratorio di tassidermia. Mantiene i contatti con Fiorani e porta avanti progetti di denuncia contro gli USA per la guerra in Vietnam. Si sposa nel 1965.

Il colpo di Stato in Grecia 1967 lo spinge a prendere contatti con esuli greci, per una possibile resistenza armata, ma ne è profondamente deluso. Il '68-'69 lo vede impegnato come operaio magazziniere e sindacalista CGIL. Organizza con gli studenti di Ivrea mobilitazioni contro la repressione degli scioperi. Dopo gli scioperi alla fabbrica Chatillon e all'Olivetti parte per Genova. Era il 22 ottobre 1969.

Nel 1969 è tra i quattro fondatori del Gruppo XXII Ottobre[2] organizzazione terroristica di cui diventa leader. Il 26 marzo 1971 fu uno dei due esecutori dell'omicidio di Alessandro Floris, per cui venne condannato all'ergastolo.[3] Nel 2007 nella casa di Rossi fu arrestato Antonio Lago Iglesias, appartenente al gruppo terroristico spagnolo Grapo (Grupos de Resistencia Antifascista Primero de Octubre) [4][5] e successivamente scarcerato dopo tre mesi di ingiusta detenzione.

Periodo carcerarioModifica

Durante la carcerazione Rossi viene sottoposto a un lungo periodo di isolamento (Asinara, Ucciardone, Alghero). Ciò nonostante riesce a stabilire contatti con detenuti nei vari istituti penitenziari. Nascono, in questo modo, le prime organizzazioni di protesta dei detenuti politici e comuni: rivolte nelle carceri di Marassi a Genova, Le Nuove a Torino, Asinara, Badu 'e Carros a Nuoro. Le dure condizioni di vita detentiva favoriscono la diffusione di un fronte comune di protesta e di richiesta di riforme del sistema carcerario. Questi anni di rivendicazioni e di rivolte portano a episodi di repressione dei detenuti fino all'istituzione delle carceri speciali nel 1977, ma anche alla riforma dell'ordinamento penitenziario nel 1975 e alla Legge n. 663 "Legge Gozzini" nel 1986. La liberazione di Rossi viene proposta più volte dalla lotta armata in Italia, nel 1974 durante il sequestro Sossi e nel 1978 durante il sequestro Moro. Rossi trascorre quasi tutta la detenzione nelle carceri speciali. Negli ultimi anni si dedica alla scultura, sua antica passione. Esce definitivamente dal carcere speciale di Novara nel 2002, dopo 31 anni. Attualmente vive in Piemonte, dove continua a dedicarsi al suo vecchio lavoro, consistente in tassidermia e ambientazioni naturalistiche, collaborando con musei di storia naturale e vari istituti scientifici.

NoteModifica

  1. ^ Floris, morte in diretta all'alba del terrorismo, repubblica.it. URL consultato il 28-03-2012.
  2. ^ Istituto Gramsci, Studi storici, Istituto Gramsci, 2004
  3. ^ Carlo Feltrinelli, Senior service, 2001, 431 pagine
  4. ^ Arrestato terrorista del Grapo, tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 28-03-2012 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2014).
  5. ^ Libertà per Antonio Lago Iglesias, informa-azione.info. URL consultato il 9 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2013).

BibliografiaModifica

Paolo Piano, La "banda" 22 ottobre, Derive Approdi

Donatella Alfonso, Animali di periferia, Castelvecchi RX

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie