Apri il menu principale

Mario Spallino (Livorno, 17 ottobre 1957) è un attore italiano.

Durante lo spettacolo Stupidorisiko in via dei Fori Imperiali, in occasione del "Pe' strada Busker Festival for Emergency" (2015)

Indice

CarrieraModifica

Inizia la sua carriera artistica nella Bottega Teatrale di Firenze, fondata e diretta da Vittorio Gassman, dove consegue il diploma di attore.

Oltre ad un'intensa attività teatrale (Gassman, Gaber, Brachetti) ha recitato anche per il piccolo e grande schermo, tra cui La notte di San Lorenzo dei fratelli Taviani, pluripremiato a Cannes.

È stato assistente alla regia per spettacoli di Ombretta Colli, Giorgio Gaber[1] e Sandro Luporini[2] (il "teatro canzone"[3]) e Marco Paolini[4]; anche regista di suoi spettacoli.

Tra il 1993 e il 1995 è stato direttore artistico del teatro comunale di Bogliasco.

È il fondatore (nonché attore protagonista) della compagnia teatrale di Emergency, con cui collabora da oltre 15 anni. In particolare porta in tournée in tutta Italia spettacoli teatrali originali, nella forma di monologhi, scritti da Patrizia Pasqui (anche regista degli stessi), prodotti dall'associazione.[5] Gli spettacoli sono incentrati sui temi cari alla ONG fondata da Gino Strada; questi si inseriscono nell'ambito delle attività che Emergency propone nelle scuole come parte della più ampia opera di sensibilizzazione sulla guerra, la povertà e le mine antiuomo, nonché sulla promozione dei valori di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.

TeatroModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ www.sandroluporini.it, Spettacoli - Il Teatro Canzone '93, su giorgiogaber.org. URL consultato il 10 aprile 2015.
  2. ^ www.sandroluporini.it, Spettacoli - Il grigio, su giorgiogaber.org.
  3. ^ www.sandroluporini.it, Spettacoli - Il teatro canzone, su giorgiogaber.org.
  4. ^ Jolefilm, Il bestiario veneto - L'orto, su jolefilm.com. URL consultato il 10 aprile 2015.
  5. ^ Emergency - Teatro

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica