Marziano di Tortona

vescovo e santo romano
San Marziano di Tortona

Vescovo

 
Nascita?
MorteTortona, II secolo
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleCattedrale di Tortona
Ricorrenza6 marzo
AttributiPalma
Patrono diTortona

San Marziano di Tortona, o Marciano (I secoloII secolo), è indicato dalla tradizione come protovescovo di Tortona, in provincia di Alessandria, ed è venerato dalla Chiesa cattolica come santo, martire e patrono di Tortona. La sua ricorrenza è il 6 marzo.

BiografiaModifica

Di famiglia pagana, secondo la tradizione, sarebbe stato convertito da san Barnaba, compagno di san Paolo e confermato poi nella fede da san Siro che a quel tempo era vescovo di Pavia.

Vescovo di Tortona, dopo 45 anni alla guida della diocesi, sarebbe stato martirizzato sotto l'imperatore Adriano presumibilmente tra il 117 e il 138.

Secondo alcuni documenti dell'VIII secolo, non risulterebbe vescovo.[1]

Fu Valafrido Strabone che, in occasione della costruzione di una chiesa in onore del santo, lo indicò come primo vescovo della comunità derthonese e martire.

In un documento del X secolo viene indicato invece come vescovo di Ravenna, martire e sepolto a Tortona.

Le reliquieModifica

Le reliquie, secondo la tradizione, furono ritrovate sulla riva sinistra dello Scrivia dal vescovo sant'Innocenzo (suo successore del IV secolo) ed ora sono conservate presso la cattedrale di Tortona.

Anche a Genola, in provincia di Cuneo, il santo è venerato come patrono della città, un osso di un indice di Marziano è lì conservato dalla fine del XVII secolo.

NoteModifica

  1. ^ Savio, Gli antichi vescovi d'Italia, p. 378. Id., Le origini della diocesi di Tortona, p. 88.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica