Massimo Morales

allenatore di calcio italiano
Massimo Morales
Massimo Morales.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Daytona SC
Carriera
Carriera da allenatore
1994-1995 Bayern Monaco (vice)
1995–1996 King Faisals Babies
1998-1999 Ghana Ghana (vice)
1999 De Graafschap (vice)
1999 De Graafschap
1999-2000 De Graafschap (vice)
2000-2001 Potenza
2001 Bellinzona
2001-2002 Rondinella
2002-2003 Varese
2003-2004 Fortuna Düsseldorf
2005-2006 Waldhof Mannheim
2008-2009 Příbram
2009-2010 Honvéd
2013-2014 Kickers Stoccarda
2015-2017 Watford (coll. tecnico)
2019- Daytona SC
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Massimo Morales (Caserta, 20 aprile 1964) è un allenatore di calcio italiano.

CarrieraModifica

La sua carriera da allenatore inizia nei primi anni novanta in Germania, come tecnico delle giovanili a Monaco di Baviera. Dopo una prima esperienza all'ESV, si trasferisce al Bayern Monaco dove nel 1994 viene nominato vice allenatore di Giovanni Trapattoni. Nel 1995 allena la King Faisal Babes a Kumasi, in Ghana.

Rientra in Italia nel 1996 e svolge l'attività di talent scout presso l'A.C. Milan per due stagioni. Nel 1998 torna in Ghana, dove viene nominato vice allenatore della Nazionale ghanese. La stagione successiva si sposta nei Paesi Bassi e allena la squadra del De Graafschap per una stagione.

Nel 2000 allena il Potenza, in Serie D, mentre l'anno successivo si sposta in Svizzera al Bellinzona[1]. Nel 2001-2002 torna in Italia per allenare prima la Rondinella in Serie C2 e successivamente il Varese in Serie C1. Nelle stagioni 2003-2004 e 2004-2005 allena in Germania, prima al Fortuna Düsseldorf, con il quale otterrà la promozione in Regional-Liga e la qualificazione alla coppa nazionale, e poi il Waldhof Mannheim.

Nel 2008 viene chiamato ad allenare in Repubblica Ceca il Příbram, con cui da subentrato conquista la promozione nel campionato di prima divisione. L'anno successivo ottiene brillantemente un'insperata salvezza a fine stagione .

Il 29 ottobre 2009 viene chiamato ad allenare l'Honvèd: in una situazione difficile, con la squadra all'ultimo posto in classifica nel campionato ungherese con 7 sconfitte in 12 gare, riuscirà a risollevare e salvare l'Honvèd, ottenendo in 18 gare 7 vittorie, 8 pareggi e 3 sconfitte; inoltre raggiungerà la semifinale nella coppa nazionale. A novembre, nonostante i risultati positivi, a causa del protrarsi del mancato pagamento dei salari allo staff tecnico e ai giocatori, si dimetterà per protesta dall'Honvèd.

Ad aprile 2013 subentra alla guida dello Stuttgarter Kickers in 3. Liga, conquistando una faticosa salvezza all'ultima giornata. A settembre 2013, dopo appena otto giornate di campionato, concorda la rescissione di contratto causa di divergenze con la società.

Nelle stagioni successive, graziai buoni rapporti con il proprietario Gino Pozzo, si occuperà di scouting per conto della società inglese FC Watford.

Nel 2019 firma per il Daytona SC, nel campinato statunitense di quarta divisione USL League Two.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica