Apri il menu principale

Matilde di Hohenlohe-Öhringen

nobile tedesca
Principessa Matilde di Hohenlohe-Oehringen
Fürstin Mathilde.jpg
Principessa consorte di Schwarzburg-Sondershausen
Nascita Öhringen, 3 luglio 1814
Morte Castello di Mirabell, Salisburgo, 3 giugno 1888
Padre Augusto, Principe di Hohenlohe-Öhringen
Madre Duchessa Luisa di Württemberg
Consorte Günther Friedrich Karl II, Principe di Schwarzburg-Sondershausen
Figli Principessa Maria di Schwarzburg-Sondershausen
Principe Ugo di Schwarzburg-Sondershausen

Matilde di Hohenlohe-Öhringen (Öhringen, 3 luglio 1814Castello di Mirabell , Salisburgo, 3 giugno 1888) fu una principessa di Schwarzburg-Sondershausen.

VitaModifica

Matilde era la figlia di Augusto, Principe di Hohenlohe-Öhringen (1784–1853) e di sua moglie la Duchessa Luisa di Württemberg (1789–1851), sorella del Duca Eugenio.

Il 29 maggio 1835 sposò a Öhringen Günther Federico Carlo II, Principe di Schwarzburg-Sondershausen come sua seconda moglie diventando principessa ereditaria e poco tempo dopo, il 19 agosto 1835 principessa consorte di questo minuscolo stato. Il matrimonio terminò con un divorzio nel 1852.

A Matilde si deve il fatto che Sondershausen sia diventata ben presto un centro di cultura significativo. È considerata scopritore e patrone dell'autrice di grande successo E. Marlitt, per lungo tempo sua compagna e lettrice. La loro ultima dimora nella "Fürstengruft" presso il vecchio cimitero di Arnstadt.

FigliModifica

Dal suo matrimonio con il principe nacquero due figli:

  • Principessa Maria di Schwarzburg-Sondershausen (1837–1921)
  • Principe Hugo di Schwarzburg-Sondershausen (1839–1871)

BibliografiaModifica

  • Christa Hirschler, Ulrich Hahnemann: Das Fürstliche Haus Schwarzburg-Sondershausen. Deutsche Fürstenhäuser, Heft 10. Börde-Verlag, Werl 2004, ISBN 3-9809107-0-9.
  • Chronik von Arnstadt. Verlag Kirchschlager, Arnstadt 2003.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67395686 · ISNI (EN0000 0000 1475 9641 · GND (DE124297854 · CERL cnp00580079 · WorldCat Identities (EN67395686
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie