Matsuura Hisanobu

Matsuura Hisanobu[1] (松浦 久信?; 157114 ottobre 1602) è stato un daimyō giapponese della fine del periodo Sengoku, appartenente al clan Matsuura.

Matsuura Hisanobu

BiografiaModifica

Figlio di Matsuura Shigenobu, governò l'han di Hirado nella provincia di Hizen. Sua madre, Sono, era figlia del famoso daimyō cristiano Ōmura Sumitada, le cui terre erano confinanti.

Hisanobu e suo padre servirono Toyotomi Hideyoshi durante la campagna Coreana. Durante la battaglia di Sekigahara, Hisanobu si schierò con i Toyotomi, mentre suo padre disertò e si schierò con Tokugawa Ieyasu, dando fuoco al proprio castello a Hirado come gesto di lealtà verso i Tokugawa.

Dopo la battaglia di Sekigahara, Hisanobu venne richiamato per udienza da Ieyasu a Kyoto e morì poco dopo. Qualcuno racconta che gli fu ordinato di compiere seppuku. Fu succeduto dal figlio Matsuura Takanobu.

NoteModifica

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Matsuura" è il cognome.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Matsuura Hisanobu, su wiki.samurai-archives.com. URL consultato il 22 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2017).