Matteo Bonino

politico italiano

Matteo Bonino (Torino, 1º maggio 1900La Spezia, 1991) è stato un politico italiano del periodo fascista, podestà di Torino dal 1939 al 1943..

BiografiaModifica

Squadrista e fascista della prima ora, partecipò alla Marcia su Roma. Appartenente a una famiglia di industriali, ragioniere, fu direttore del Banco di Napoli in Somalia[1].

Nel 1939 fu nominato podestà di Torino, sostituendo Cesare Giovara (chiamato alla presidenza dell'Istituto San Paolo) e rimase in carica fino all'agosto 1943.

Dopo la parentesi del liberale Bruno Villabruna nominato podestà dal governo Badoglio[2], dopo l'8 settembre tornò alla guida della città come commissario prefettizio[3].

Rimase in carica fino al 2 dicembre dell'anno successivo, quando fu sostituito da Michele Fassio[4].

OnorificenzeModifica

  Medaglia commemorativa della Marcia su Roma, oro

NoteModifica

  1. ^ "Il fascista Matteo Bonino nominato podestà", La Stampa, 23 agosto 1939
  2. ^ "L'avv. Bruno Villabruna podestà di Torino, La Stampa, 19 agosto 1943
  3. ^ "Matteo Bonino alla podesteria di Torino", La Stampa, 22 settembre 1943
  4. ^ "Il nuovo Podestà Fassio prende possesso del suo ufficio", La Stampa, 3 dicembre 1944



  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie