Apri il menu principale
Mauro Mellini
Mauro Mellini.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VII, VIII, IX e X
Gruppo
parlamentare
Partito Radicale (VII, VIII, IX) e Federalisti europei (X)
Collegio Genova (VII e IX), Cagliari (VIII) e Catania (X)
Incarichi parlamentari
  • Componente della Giunta per le autorizzazioni a procedere in giudizio (dal 23 luglio 1987 al 22 aprile 1992)
  • Componente della II Commissione (Giustizia) (dal 4 agosto 1987 al 22 aprile 1992)
  • Componente del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa (dal 19 gennaio 1989 al 22 aprile 1992)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Radicale
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Mauro Mellini (Civitavecchia, 10 febbraio 1927) è un avvocato e politico italiano. È stato parlamentare del Partito Radicale, di cui fu tra i fondatori.

BiografiaModifica

Eletto deputato alle elezioni politiche del 1976, ha combattuto le più note battaglie radicali per poi allontanarsi dal partito alla fine degli anni ottanta in concomitanza con la scelta del Partito Radicale di trasformarsi in soggetto transnazionale e di non partecipare più a competizioni elettorali italiane.

Successivamente ha ricoperto il ruolo di componente del Consiglio Superiore della Magistratura. Editorialista e saggista, è autore di numerosi scritti, in cui con vena polemica indaga sulle storture della legge. Il suo testo più noto è Così annulla la Sacra Rota (Samonà & Savelli), che contribuì fortemente all'approvazione della legge sul divorzio.

Nel 2006 ha fondato insieme ad Alessio Di Carlo il periodico on line GiustiziaGiusta, dedicato ai temi della giustizia in chiave garantista.

È stato ed è uno dei primi e più strenui difensori del garantismo, a partire dal celebre caso Enzo Tortora[1].

OpereModifica

  • L'annullamento facile (pseudonimo Simplicius), 1967.
  • Così Annulla la Sacra Rota, Samonà e Savelli, 1969.
  • Le sante nullità, Savelli, 1974.
  • 1976 Brigate Rosse, operazione aborto, Savelli, 1974.
  • La Rima nel Pugno, Partito Radicale Lazio, 1979.
  • Eminenza la pentita ha parlato, I Ed., Pironti, 1982.
  • Una Repubblica pentita, supplemento di Notizie Radicali, 1984.
  • C'era una volta Montecitorio, EquiLibri, 1984.
  • Il giudice e il pentito, Sugarco, 1986.
  • Norme penali sull'obiezione di coscienza, Scipioni, 1987.
  • Misure di prevenzione, Partito Radicale, 1987.
  • La notte della giustizia, Stampa Alternativa, 1990.
  • Eminenza la pentita ha parlato, II Ed., Adriatica Ancona, 1993.
  • La bancarotta della giustizia, SIR, 1990.
  • Il partito che non c'era, Adriatica Ancona, 1992.
  • Il golpe dei giudici, Spirali/Vel, 1994.
  • Toghe padrone, Spirali/Vel, 1996.
  • E arrestarono Nicolò Nicolosi, Edi.De.Gi., 1997.
  • Il Regime Gattopardo, Spirali/Vel, 1998.
  • Nelle mani dei pentiti, Spirali, 1999.
  • Processo al Capomandamento, 2003.
  • Tra corvi e pentiti, Koiné, 2005.
  • La fabbrica degli errori, Koiné, 2005.
  • 'sta povera giustizzia, Rubbettino, 2008.
  • Il partito dei magistrati, Bonfirraro Editore, ISBN 978-88-6272-036-6.
  • Ritorno a Tolfa, Bonfirraro Editore, ISBN 978-88-6272-062-5.

NoteModifica

  1. ^ Nel 1994 si occupò anche del caso giudiziario del "dirottatore" Peppe Cizio: cfr. Mauro Mellini, Introduzione, in Salvatore Mugno, L'italiettano. Storia umana e giudiziaria di Cizio-Margutte, Trapani, Corrao Editore, 1995. http://www.trapaninostra.it/libri/salvatoremugno/L_italiettano/L_italiettano-01.pdf

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102560211 · ISNI (EN0000 0003 8527 2787 · LCCN (ENn83150706 · WorldCat Identities (ENn83-150706