Apri il menu principale
Mauro Parmeggiani
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Mauro Parmeggiani.svg
Aperite Portas Redemptori
 
TitoloTivoli
Palestrina
Incarichi attuali
Incarichi ricopertiAmministratore apostolico di Palestrina (2017-2019)
 
Nato5 luglio 1961 (58 anni) a Reggio Emilia
Ordinato presbitero18 ottobre 1985 dal vescovo Gilberto Baroni
Nominato vescovo3 luglio 2008 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo20 settembre 2008 dal cardinale Camillo Ruini
 

Mauro Parmeggiani (Reggio nell'Emilia, 5 luglio 1961) è un vescovo cattolico italiano, dal 3 luglio 2008 vescovo di Tivoli e dal 19 febbraio 2019 vescovo di Palestrina.

Indice

BiografiaModifica

Ministero sacerdotaleModifica

È stato ordinato sacerdote per la diocesi di Reggio Emilia-Guastalla nella cattedrale di Reggio Emilia il 18 ottobre 1985 dal vescovo Gilberto Baroni.

Il 25 novembre 1996, con il consenso del suo ordinario, si è incardinato nella diocesi di Roma.

Dopo la celebrazione del sinodo diocesano, il 1º giugno 1993, è stato nominato cappellano di Sua Santità. Dal 1º settembre 1993 è direttore del Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile di Roma che continuerà a dirigere anche nel nuovo ufficio di prelato segretario del Vicariato.

Ministero episcopaleModifica

Il 3 luglio 2008 è stato nominato vescovo di Tivoli. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 20 settembre successivo in San Giovanni in Laterano dal cardinale Camillo Ruini, coconsacranti il cardinale Agostino Vallini e l'arcivescovo Giovanni Paolo Benotto.

Con decreto del 23 maggio 2012 il Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana lo ha nominato assistente ecclesiastico nazionale della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d'Italia.

Il 31 luglio 2017 è stato nominato amministratore apostolico di Palestrina; il 19 febbraio 2019 ne è diventato vescovo, avendo papa Francesco unito in persona episcopi la sede di Tivoli con quella di Palestrina. Il 17 aprile ha preso possesso della sede suburbicaria nella cattedrale di Sant'Agapito martire.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1793154257836124150974