Apri il menu principale

Melchior de Polignac

cardinale francese
Melchior de Polignac
cardinale di Santa Romana Chiesa
Rosalba Carriera - Cardinal Melchior de Polignac - WGA4488.jpg
Ritratto del cardinale de Polignac, opera di Rosalba Carriera del 1732
Blason famille Polignac.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato11 ottobre 1661 a Lavoûte-sur-Loire
Nominato arcivescovo20 febbraio 1726 da papa Benedetto XIII
Consacrato arcivescovo19 marzo 1726 da papa Benedetto XIII
Creato cardinale18 maggio 1712 da papa Clemente XI
Pubblicato cardinale30 gennaio 1713 da papa Clemente XI
Deceduto20 novembre 1741 (80 anni) a Parigi
 

Melchior de Polignac (Lavoûte-sur-Loire, 11 ottobre 1661Parigi, 20 novembre 1741) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico francese.

BiografiaModifica

Nacque a Lavoûte-Sur-Loire l'11 ottobre 1661, figlio del visconte Louis-Armand III de Polignac e di Jacqueline Grimoard de Beauvoir du Roure.

Fu ambasciatore francese in Polonia (dal 1693) ed a Roma (da 1724 al 1732). Ambasciatore francese a Roma promosse e finanziò (non senza un rendiconto personale) importanti scavi sull'Appia e in altre zone di Roma precedendo di poco i ritrovamenti di Pompei ed Ercolano, contribuendo alla riscoperta del mondo classico che sarà poi tema centrale della seconda parte del '700 con il neoclassicismo. Fu eletto nel 1704 membro dell'Accademia di Francia, al seggio che era stato di Bossuet. Papa Clemente XI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 30 gennaio 1713. Autore di un trattato teologico in latino chiamato "Anti Lucrezio. ovvero: di Dio e della Natura", pubblicato postumo e tradotto in lingua italiana nel 1767 dall'abate benedettino don Francesco Maria Ricci.

Partecipò al conclave del 1724 che elesse Benedetto XIII e a quello del 1730 che elesse Clemente XII.

Morì il 20 novembre 1741 all'età di 80 anni.

Genealogia episcopaleModifica

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • La grande Storia dell'Arte, 2005.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89067645 · ISNI (EN0000 0001 2142 9445 · LCCN (ENno90022432 · GND (DE119226987 · BNF (FRcb121742895 (data) · ULAN (EN500324221 · BAV ADV10287337 · CERL cnp00404780 · WorldCat Identities (ENno90-022432