Apri il menu principale

TerritorioModifica

I Menapi, secondo Strabone[1] e Tolomeo,[2] vivevano nella zona dell'estuario del Reno e verso sud lungo la Schelda, fino alle Ardenne, in epoca pre-romana e romana. La loro città principale era l'oppidum di Cassel, nei pressi di Terouanne (Francia del nord). Confinavano a ovest coi Morini, a sud-est coi Nervi, a nord-est con gli Eburoni (fino all'arrivo di Cesare, a cui si opposero strenuamente), a est coi Tungri (da dopo Augusto) e a nord (oltre la foce della Schelda) coi Sigambri e i Batavi.

 
Ricostruzione di una dimora dei Menapi a Destelbergen.

Manapi d'IrlandaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Manapi.

Sempre Tolomeo parla di una tribù del sud-est dell'Irlanda, dalla denominazione omofona di Manapi.[3] Ma toponimi come Fermanagh fanno pensare anche a una loro presenza nel nord-ovest dell'isola.

La campagna di CesareModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Conquista della Gallia.

Resistettero tenacemente fino al 54 a.C. alla conquista romana. Fornirono 9 000 uomini alla coalizione belgica che nel 57 a.C. venne sconfitta dai romani[4] e l'anno successivo si schierarono coi Veneti contro Cesare.[5] Anche se quest'ultimo prevalse, Menapi e Morini rifiutarono la pace, continuando a fare guerra agli invasori romani.[6] Solo dopo diverse e devastanti campagne, il generale romano riuscì a piegarli, ponendoli sotto il controllo del suo alleato Commio degli Atrebati.[7]

Epoca romanaModifica

Una coorte romana formata da ausiliari Menapi è attestata da iscrizioni del II secolo in Britannia. E l'usurpatore Carausio, comandante della flotta romana che nel III secolo si proclamò imperatore della Britannia e della Gallia settentrionale era un menape nato in Batavia.[8] E nel V secolo la Notitia Dignitatum menziona una legione di menapi senior.[9]

NoteModifica

  1. ^ Strabone Geografia IV 3,4
  2. ^ Tolomeo, Geografia II 8
  3. ^ Tolomeo, Geografia II, 1(EN) Testo su LacusCurtius.
  4. ^ Cesare, Bellum Gallicum II 4.
  5. ^ Bellum Gallicum, III 9.
  6. ^ Bellum Gallicum III 28-29.
  7. ^ Bellum Gallicum IV 4, 22 38, VI 2-6.
  8. ^ Aurelio Vittore, Libro dei Cesari 39,20
  9. ^ Notitia Dignitatum, Ovest, 5.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica