Michele Busiri Vici

architetto e urbanista italiano
Michele Busiri Vici

Michele Busiri Vici (Roma, 2 maggio 1894Roma, 4 febbraio 1981) è stato un architetto e urbanista italiano, appartenente alla nota famiglia di Architetti Busiri Vici, attivi sin dal XVII secolo.

BiografiaModifica

Nel 1921 si laurea presso la Scuola Superiore d'Ingegneria a Roma. Tra i suoi primissimi lavori c'è la progettazione, insieme al padre Carlo, del nuovo Museo nazionale archeologico ed etnografico G. A. Sanna a Sassari: il progetto eseguito, tra aprile 1925 e dicembre 1929, fu commissionato da Zelì Castoldi Sanna figlia dell'imprenditore e mecenate sassarese Giovanni Antonio Sanna.

Comincia la sua professione collaborando nello studio del fratello maggiore Clemente. Insieme realizzano negli anni 1926-1928 i castelli già "Gualino" di Sestri Levante e la villa-museo Gualino di Torino.

Nel 1930, senza la collaborazione del fratello, realizza la villa Attolico, nei pressi di Porta Latina a Roma. Per l'Esposizione Universale del 1942 (E42) partecipa con il collega Luigi Piccinato alla sistemazione dei parchi e giardini dell'Eur. È di quel periodo anche il restauro del Castello di Torrimpietra nei pressi di Roma. Nel 1938 gli viene affidato il progetto e la realizzazione dell'impianto del verde nel sito archeologico di Ostia antica, sotto la supervisione di Piccinato.

Nel 1938-1939 realizza a Bolzano, nel contesto del piano regolatore di Marcello Piacentini, il palazzo dell'Istituto Nazionale Assicurazioni presso il Monumento alla Vittoria.[1]

Nel 1939 viene incaricato dal governo della progettazione del Padiglione Italiano all'Esposizione Universale di New York, per il quale riceverà la cittadinanza onoraria della città.

Nel 1955 viene chiamato a comporre il piano regolatore del litorale di Sabaudia. Nella stessa zona tra Sabaudia e San Felice Circeo realizzerà, nel corso degli anni, numerose ville elaborando un suo stile personale (nell'ambito di quella che è stata definita "architettura mediterranea"), caratterizzato da volumi chiari, forme organiche, murature in calce bianca e infissi del colore ormai noto come verde Busiri. In particolare ha realizzato nel 1954 a San Felice Circeo la chiesa e il convento dell'Immacolata, esempio di architettura mediterranea in una chiesa a pianta centrale, altro elemento raro da riscontrare in terra Pontina. Negli anni successivi lavora anche alla sistemazione degli scavi di Ostia antica e realizza alcune ville sull'Appia Antica, Anzio e Torrimpietra.

Nella sua lunga attività si occupa dei più vari aspetti dell'architettura. Per il settore navale realizza l'arredamento della turbonave Raffaello della Compagnia Italia - Società di Navigazione.

Mentre nel campo dell'edilizia residenziale di città dà un contributo al rinnovamento residenziale di Atene e di Roma, dove rimangono caratteristici gli edifici dagli infissi verde Busiri nella zona di Vigna Stelluti, Ponte Milvio e Parioli.

La Costa SmeraldaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Costa Smeralda.
 
La chiesa Stella Maris e sullo sfondo le case di Sa Conca

A Porto Cervo, agli inizi degli anni sessanta, viene incaricato dal principe Karim Aga Khan IV, insieme ad altri noti architetti dell'epoca (Luigi Vietti e Jacques Couelle) della realizzazione della "Costa Smeralda", per la quale progetta la chiesa Stella Maris di Porto Cervo, gli alberghi Luci di La Muntagna e Romazzino, il quartiere Sa Conca, oltre a numerose ville.

Sviluppando un suo stile ispirato all'architettura mediterranea, già sperimentato sul litorale pontino, con l'adozione di forme ancor più morbide, quasi sempre rivestite a calce, e con elementi di decoro ripetuti (quali i comignoli, gli archi a sesto acuto, le feritoie triangolari, il coppo e la ceramica mediterranei), contribuisce alla creazione del paesaggio contemporaneo della Costa Smeralda.

Nel 1977 si ritira dall'esercizio della professione.

BibliografiaModifica

  • Marina Natoli (a cura di), Michele Busiri Vici. Paesaggio e architettura nel litorale laziale 1941-1973, Roma, Fratelli Palombi, 2001, ISBN 88-7621-168-3.
  • Ordine degli Architetti di Roma e Rieti (a cura di), 50 Anni di Professione, Roma, kappa, 1983.

NoteModifica

  1. ^ Hannes Obermair, Fabrizio Miori, Maurizio Pacchiani (a cura di), Lavori in Corso – Die Bozner Freiheitsstraße, La Fabbrica del Tempo – Die Zeitfabrik, Bolzano, 2020, pp. 86–89, ISBN 978-88-943205-2-7.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96375339 · SBN IT\ICCU\CUBV\128746 · LCCN (ENno2018005643 · GND (DE123494435 · BNF (FRcb177422962 (data) · ULAN (EN500094573 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018005643
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie