Apri il menu principale
Mio zio
Mio ziо.png
Jacques Tati una scena del film
Titolo originaleMon oncle
Lingua originalefrancese
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1958
Durata110 min
Rapporto1,37:1
Generecommedia
RegiaJacques Tati
SoggettoJacques Tati, Jacques Lagrange e Jean L'Hôte
SceneggiaturaJacques Tati, Jacques Lagrange e Jean L'Hôte
ProduttoreJacques Tati, Fred Orain
Casa di produzioneSpecta Films, Gray-Film, Alter Films, Film del Centauro, Cady Films
FotografiaJean Bourgoin
MontaggioSuzanne Baron
MusicheFranck Barcellini e Alain Romans
ScenografiaHenri Schmitt
CostumiJacques Cottin
TruccoBoris De Banow
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mio zio (Mon oncle) è un film del 1958 scritto, diretto e interpretato da Jacques Tati, terzo della sua filmografia in veste di regista.

TramaModifica

In una villa ultramoderna e imponente abita, con la moglie ed il figlio di nove anni Gérard, il signor Arpel, ricco industriale e presidente della società "Plastac", borghese con una esistenza perfettamente ordinata, completamente preso dai problemi connessi con la sua attività d'industriale e con la ricerca di agiatezza da ignorare i più semplici creati dalla vitalità del figlio Gérard.

Anche la mamma, la signora Arpel, trascura il bambino perché il suo tempo e le sue energie sono dedicati completamente al compito di mettere in ordine e pulire continuamente e perfettamente la casa. In questo ambiente di perfezione appare frequentemente il fratello della signora Arpel, lo zio Hulot, per il quale Gérard mostra una predilezione che desta la gelosia del signor Arpel.

Lo zio Hulot è molto differente dai coniugi Arpel: vive con grande semplicità e quando viene a cercare Gérard il piccolo ne è felice, perché sa che lo zio lo farà uscire dalla monotonia della sua vita dove tutto è previsto e tutto si ripete automaticamente.

Per sottrarre Gérard all'influenza di questo zio così poco conformista, il signor Arpel dà a Hulot un posto nella sua industria mentre la signora Arpel pensa di dargli in moglie una sua vicina. Questi tentativi non hanno tuttavia il successo sperato e il signor Arpel prende una decisione radicale: Hulot sarà un rappresentante della società all'estero.

Tutta la famiglia lo accompagna alla stazione e gli addii sono rapidi, ma uscendo dalla stazione il signor Arpel inconsciamente ritrova l'attitudine familiare di Hulot verso Gérard.

ProduzioneModifica

Primo film a colori di Jaques Tati, è stato girato tra il 10 settembre 1956 e il 25 febbraio 1957.[1]

Le riprese sono state effettuate negli Studios de la Victorine (ora Studios Riviera) a Nizza (villa degli Arpel), a Saint-Maur-des-Fossés (casa di Hulot) e a Créteil (fabbrica).[2]

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito nel 1958.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Box office / business for Mio zio (1958), Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2011.
  2. ^ (EN) Filming locations for Mio zio (1958), Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2011.
  3. ^ (EN) Awards 1958, festival-cannes.fr. URL consultato il 4-6-2011 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema