Apri il menu principale
Monacilioni
comune
Monacilioni – Stemma Monacilioni – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
SindacoMichele Turro (lista civica Crescere Insieme) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate41°37′N 14°49′E / 41.616667°N 14.816667°E41.616667; 14.816667 (Monacilioni)Coordinate: 41°37′N 14°49′E / 41.616667°N 14.816667°E41.616667; 14.816667 (Monacilioni)
Altitudine590 m s.l.m.
Superficie27,21 km²
Abitanti494[1] (31-10-2017)
Densità18,16 ab./km²
Comuni confinantiCampolieto, Macchia Valfortore, Pietracatella, Ripabottoni, San Giovanni in Galdo, Sant'Elia a Pianisi, Toro
Altre informazioni
Cod. postale86040
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT070040
Cod. catastaleF322
TargaCB
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 116 GG[2]
Nome abitantimonacilionesi
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monacilioni
Monacilioni
Monacilioni – Mappa
Posizione del comune di Monacilioni nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Monacilioni è un comune italiano appartenente alla provincia di Campobasso, in Molise, che dista circa 21 chilometri a nord-est dal capoluogo della omonima provincia. Conta 494 abitanti ed ha una superficie di 27,08 chilometri quadrati per una densità abitativa di 24 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 590 metri sul livello del mare.

Indice

StoriaModifica

Intorno al XIII secolo il paese è menzionato in alcuni documenti ufficiali con il nome di "Castro Monachi Leonis". La scelta di questo nome è da ricondursi alla posizione dell'antico villaggio, che sorgeva in prossimità di una chiesetta dedicata a "S. Monachi Leonis", benedettino coevo dei protettori di Guglionesi e Larino (S. Adamo e S. Pardo). Due secoli più tardi il nome era già mutato in "Castrum Monacilionis", variato poi in "Monceglione" ed infine in "Monaciliuni" nel XVI secolo. Durante il periodo longobardo il feudo di Monacilioni appartenne al Ducato di "Benevento. Mentre nell'epoca longobarda iniziò a far parte delle possedute dai Conti del Molise. La signoria, di costoro per quanto concerne il feudo di Monacilioni, durò per tutta la dominazione sveva; dopo di che passò nelle mani dei Conti di Campobasso. Verso la fine del XIV secolo, e più precisamente nel 1387, il feudo fu assegnato a Tommaso Boccapianola. Attorno al 1555 il feudo fu venduto da parte della madre di Giovanni di Capua in favore di Felice di Gennaro, il quale a sua volta lo cedette a Giovanni Alberto Locatelli di Bergamo nel 1561.

MonumentiModifica

L'antico centro storico situato su una forra a strapiombo sulla Val Fortore è andato quasi perduto con la grave frana del 1961, determinandone la quasi totale scomparsa. Le cosiddette "case spallate" come gli abitanti definiscono le macerie del centro, sono diventate elemento caratteristico del paese, inclusa la casa neviera a base cilindrica, ma anche un confine tra la parte abitata del Corso Umberto I e quella fantasma. Grave perdita fu la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, risalente al XIII secolo, e rifatta nel XVIII secolo in stile barocco, oggi riconoscibile solo in fotografie storiche, poiché la struttura, essendo stata lesionata dalla frana, venne successivamente abbattuta perché a rischio crollo, e oggi rimane solo parte della facciata e della scala di accesso, oltre all'impianto per via delle fondamenta.

I monumenti oggi osservabili sono:

  • Chiesa di Santa Reparata: chiesa principale del paese, sede della parrocchia di Santa Maria Assunta. Le prime notizie risalgono a un catalogo del 1701, dove viene ben descritta, anche se non si conoscono le origini, forse medievali. Il restauro attuale risale all'epoca barocca, quando venne rifatta nel 1692 per volere di don Paolo De Rita. Prima del moderno restauro, la chiesa era accessibile da due porte, una a ovest, e l'altra maggiore a sud, sulla quale vi era una nicchia al cui interno c'erano dipinti dell'immagine di Gesù, di San Francesco e Santa Liberata. Il portone principale è sovrastato da una finestra che permette l'accesso della luce all'interno, la chiesa presenta una copertura a capanna, sulla sinistra dell'edificio c'è un piccolo campanile a vela con sola campana, l'interno è a navata unica, sulla sinistra si trova un'acquasantiera in pietra scolpita, l'altare maggiore presenta un tabernacolo dorato e intagliato, con sei nicchie dove si trovano le sculture di San Francesco, Santa Reparata, e la Madonna.
  • Ruderi della chiesa di Santa Maria Assunta: detta anche "chiesa vecchia", si trova all'ingresso del paese fantasma franato. L'impianto leggibile è a croce greca, risalente al XIII secolo, il braccio maggiore longitudinale è a tre navate, e si riconoscono ancora le basi delle colonne cilindriche medievali, e prima della traslazione nella chiesa di Santa Reparata, la chiesa conteneva le reliquie di Santa Benedetta, San Rocco e Santa Reparata. Il pavimento ha tre botole cimiteriali per la sepoltura dei defunti, un ossario per il clero, uno per le donne, e uno per gli indigenti. La chiesa venne citata nel registro parrocchiale nel 1575, la parrocchia del paese sino al 1983 dipese dalla diocesi di Benevento, la chiesa venne ampliata nel 1744-52 in stile barocco.
  • Chiesetta di San Michele Arcangelo: si trova fuori il centro, lungo la strada provinciale. Fu edificata nell'Ottocento da Peppino Minicone, e poi curata da Michele Giuliano. Ha un aspetto rurale, a capanna, molto semplice, con portale architravato e finestrone centrale che lo sovrasta, in asse. L'interno è a navata unica, con altare a nicchia che accoglie la statua del santo.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 luglio 1988 6 maggio 1993 Mario Giuseppe Martino Democrazia Cristiana Sindaco [4]
18 giugno 1993 28 aprile 1997 Mario Giuseppe Martino lista civica Sindaco [4]
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Mario Giuseppe Martino Cristiani Democratici Uniti Sindaco [4]
14 maggio 2001 6 ottobre 2003 Enrico Martino lista civica Sindaco [4]
24 novembre 2003 14 giugno 2004 Maria Nicolina Testa Comm. straordinario [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Mario Giuseppe Martino lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Michele Turro lista civica Sindaco [4]
26 maggio 2014 in carica Michele Turro lista civica: crescere insieme Sindaco [4]

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progettiModifica