Commissario straordinario

nell'ordinamento giuridico italiano, ufficiale di governo nominato per far fronte a incarichi urgenti o straordinari tramite un accentramento o un aumento dei poteri e un'azione in deroga

Il commissario straordinario, nell'ordinamento giuridico italiano, è un ufficiale di governo nominato per far fronte a incarichi urgenti o straordinari tramite un accentramento o un aumento dei poteri e un'azione in deroga, per un tempo determinato.

StoriaModifica

Durante il ventennio fascista questa figura di nomina governativa o prefettizia fu utilizzata in varie occasioni. Un esempio è quello della nomina di Renzo Ravenna come commissario straordinario a capo del Comune di Ferrara il 26 ottobre 1926.[1]

In tempi più recenti, con la legge 23 agosto 1988, n. 400, si fissarono le sue attribuzioni. In particolare si precisò: "al fine di realizzare specifici obiettivi deliberati dal Parlamento o dal Consiglio dei ministri, o per particolari e temporanee esigenze di coordinamento tra amministrazioni statali, può procedersi alla nomina di commissari straordinari del Governo".

Nel 1997 Paolo Costa, ministro dei lavori pubblici, decide, al fine di risolvere la situazione dei cantieri bloccati, di nominare un commissario per ogni cantiere, per un totale di 152 commissari. A tal proposito, nel 2001 la corte dei conti scriveva:“Proprio la soluzione del commissariamento e i relativi criteri di retribuzione dei commissari potrebbero avere indirettamente favorito il protrarsi di fattispecie sostanzialmente prive di sbocchi”. Ossia, visto che venivano pagati proprio a causa del blocco dei cantieri, i commissari erano incentivati a mantenere la situazione esistente.[2]

CaratteristicheModifica

L'incarico è ricoperto da un dirigente della pubblica amministrazione italiana, ma talvolta anche una figura politica, o addirittura lo stesso organo che ordinariamente dovrebbe esercitare poteri nella materia in cui viene nominato in via straordinaria.

I commissari straordinari possono operare tramite procedure accelerate, e in deroga alla normativa vigente. Possono, ad esempio, assegnare senza bando di gara d'appalto, ma a propria discrezione, i lavori pubblici[3].

Il Sole 24 Ore ha stimato in 10.000 il numero totale dei commissari, molti dei quali nominati per far fronte a situazioni di emergenza. Il loro numero non è certo a nessuno, neanche alla Corte dei conti, che ne monitora i costi e i risultati.[2]

Il ruolo negli enti localiModifica

Istituto da tenere distinto è il commissario straordinario per la gestione degli enti locali, denominato commissario prefettizio. Viene nominato a seguito dello scioglimento del consiglio comunale, con lo stesso decreto di scioglimento, adottato dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dell'interno e deliberazione del Consiglio dei ministri, in esito ad una procedura avviata dal prefetto competente per territorio. Peraltro, iniziata la procedura ed in attesa del decreto di scioglimento, il prefetto, per motivi di grave e urgente necessità, può sospendere, per un periodo comunque non superiore a novanta giorni, il consiglio e nominare un commissario per la provvisoria amministrazione dell'ente. Tale commissario assomma in sé i poteri del Sindaco, della giunta e del Consiglio e può essere affiancato da uno o più sub-commissari, ma non ha poteri speciali oltre quelli spettanti alle predette figure.

I casi di scioglimento del consiglio sono disciplinati dall'art. 141 del D.Lgs. 267/2000.

Il commissario straordinario nelle Regioni autonomeModifica

Nelle cinque regioni autonome a statuto speciale quando viene sciolto un ente locale viene invece nominato un "Commissario straordinario" che assume i poteri di giunta e consiglio, in quanto il decreto è firmato dal Presidente della Regione, su istruttoria dell'assessore alle Autonomie locali. Di solito viene scelto per l'incarico un funzionario dell'Amministrazione regionale, anche in quescenza. Possono esserci anche commissari straordinari per solo il vertice dell'ente locale o anche solo per il consiglio.[4]

La commissione straordinaria per la gestione di enti locali sciolti per mafiaModifica

Una particolare ipotesi di scioglimento del consiglio (o degli organi di vertice di altri enti locali) è nella legge contro le infiltrazioni mafiose negli enti locali, prevista dagli articoli 143-146 del Testo unico degli enti locali, quando emergono concreti, univoci e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti degli amministratori locali con la criminalità organizzata di tipo mafioso o su forme di condizionamento degli amministratori stessi, che compromettono la libera determinazione degli organi elettivi e amministrativi e il buon andamento delle amministrazioni comunali e provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi alle stesse affidati ovvero che risultano tali da arrecare grave e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica.

In questo caso lo scioglimento è disposto con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'interno, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, e la gestione dell'ente è assicurata non da un commissario monocratico ma da una commissione straordinaria, composta da tre membri scelti fra funzionari pubblici e magistrati (di solito due provengono dalla Carriera prefettizia e uno dai dirigenti amministrativi dell'Amministrazione civile dell'Interno). La Commissione straordinaria dura in carica da un anno a diciotto mesi, prorogabili di ulteriori sei mesi fino a due anni in totale, e a seguire fino al primo turno elettorale utile.

AnalisiModifica

È stato osservato che la figura, istituzionalizzandosi e perdendo il carattere di straordinarietà, rischia di rendere permanente una gestione emergenziale della pubblica amministrazione. La loro indennità d'incarico prevede solitamente fino al 40-60% in più degli stipendi ordinari: l'esborso totale per lo Stato è calcolato in un miliardo di euro di compensi l'anno.[3]

Il passaggio del potere dall'amministrazione ordinaria ai commissari causerebbe inoltre la perdita di due tipi di controllo sull'operato dell'amministrazione:

I Commissari straordinari sono comunque tenuti a rendere conto, a fine mandato, al Ministero dell'economia[3].

La loro nomina è statutoriamente temporanea. Ciò tuttavia risulta spesso aggirato tramite proroga o tramite limiti fittizi ("fino a fine intervento")[3]. La mancanza di un termine all'azione dei commissari straordinari ha causato l'apertura di una procedura di infrazione da parte dell'Unione europea verso l'Italia, che ha portato al divieto di proroga.[2] Non esiste limite al numero di incarichi di commissario straordinario cumulabili dalla stessa persona. Guido Bertolaso, il più noto dei Commissari straordinari italiani, è stato allo stesso tempo Commissario straordinario per le emergenze di: terremoto, vulcani nelle Eolie, rifiuti in Campania, aree marittime di Lampedusa, bonifica del relitto della Haven, rischio bionucleare, mondiali di ciclismo, presidenza del G8 del 2009.[3] L'istituzionalizzazione dei commissari straordinari conduce alla creazione di una "amministrazione parallela", svincolata dai controlli che subisce la PA, ma che ne replica i difetti: "Le strutture commissariali, pur avendo centomila deroghe, operano sostanzialmente come delle normalissime pubbliche amministrazioni, con tutte le lentezze delle pubbliche amministrazioni" (Silvia Coscienza – ex subcommissario tutela corpi idrici della Regione Siciliana)[2].

Secondo Sabino Cassese, docente di diritto amministrativo, "la loro diffusione straordinaria è semplicemente la dimostrazione della incapacità delle strutture pubbliche, e fondamentalmente della dirigenza politica, di rendersi conto che esiste un problema di efficienza della pubblica amministrazione. Bisogna risolvere questo problema dove c'è, non cercando delle strade laterali".[2]

Elenco di commissari straordinariModifica

Al 1 giugno 2022, risultano 82 commissari straordinari nominati per varie esigenze.[5]

Commissari di indirizzo politicoModifica

  1. Commissario straordinario per il coordinamento delle attività connesse alla partecipazione dell'Italia come ospite d'onore alla Fiera del libro di Francoforte: Riccardo Franco Levi
  2. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della Zona Economica Speciale (ZES) nella Regione Abruzzo: Mauro Miccio
  3. Commissario straordinario per la demolizione, la rimozione, lo smaltimento e il conferimento in discarica dei materiali di risulta, il risanamento, la bonifica e la riqualificazione urbana e ambientale delle aree ove insistono le baraccopoli della città di Messina: Cosima di Stani (prefetto di Messina)
  4. Commissario straordinario con compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES Ionica interregionale nelle regioni Puglia e Basilicata: Giampiero Marchesi
  5. Commissario straordinario per gli interventi di restauro e valorizzazione dell'ex carcere borbonico dell'isola di Santo Stefano a Ventotene: Silvia Costa
  6. Commissario straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura: Giovanna Stefania Cagliostro
  7. Commissario straordinario per la gestione del fenomeno delle persone scomparse: Antonino Bella

Commissari di indirizzo tecnico-settorialeModifica

  1. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES adriatica interregionale Puglia - Molise: Manlio Guadagnolo
  2. Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto: Demetrio Martino
  3. Commissario straordinario della ZES ionica interregionale Puglia - Basilicata: Floriana Gallucci
  4. Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso: Felice Colombrino
  5. Commissario straordinario per l'espletamento delle attività di programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione dei necessari interventi sulle Autostrade A24 e A25: Marco Corsini
  6. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES nella Regione Calabria: Federico Maurizio D'Andrea
  7. Commissario straordinario per assicurare gli interventi funzionali alle celebrazioni del Giubileo della Chiesa cattolica per il 2025 nell'ambito del territorio di Roma Capitale: Roberto Gualtieri (sindaco di Roma)
  8. Commissario straordinario per gli interventi di riparazione, di ricostruzione, di assistenza alla popolazione e di ripresa economica nei territori dei comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno dell'isola d'Ischia colpiti dall'evento sismico del 21 agosto 2017: Giovanni Legnini
  9. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES nella Regione Sicilia Occidentale: Carlo Amenta
  10. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES nella Regione Sicilia Orientale: Alessandro Di Graziano
  11. Commissario straordinario con il compito di presiedere il comitato di indirizzo della ZES nella Regione Campania: Giuseppe Romano
  12. Commissario straordinario per realizzazione interventi per finalità portuali e ambientali al porto di Piombino ai sensi dell’art.1, comma 2 del decreto-legge n. 43 del 2014: Eugenio Giani (Presidente della giunta regionale della Toscana)
  13. Commissario straordinario per l’area del comune di San Ferdinando (RC): Massimo Mariani
  14. Commissario straordinario per la ricostruzione del viadotto di Albiano sul fiume Magra: Fulvio Maria Soccodato
  15. Commissario straordinario per l'espletamento delle attività di programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione dei necessari interventi delle Autostrade A24 e A25: Maurizio Gentile
  16. Commissario straordinario per la progettazione e la realizzazione del nuovo complesso ospedaliero della città di Siracusa: Giuseppa Scaduto
  17. Commissario straordinario per la bonifica ambientale e rigenerazione urbana dell'area di rilevante interesse nazionale dell'ex area militare denominata "Arsenale militare e area militare contigua Molo Carbone" situata nell'isola de La Maddalena: Christian Solinas (Presidente della giunta regionale della Sardegna)
  18. Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei comuni nella provincia di Campobasso colpiti da una serie di eventi sismici a far data dal 16 agosto 2018: Donato Toma (Presidente della giunta regionale del Molise)
  19. Commissario straordinario dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS): Domenico Mantoan
  20. Commissario unico per la progettazione e la realizzazione degli interventi di collettamento, fognatura e depurazione ai sensi dell'art.5, comma 6, del decreto-legge 14 ottobre 2019, n 111, e DPCM 11 maggio 2020: Maurizio Giugni
  21. Commissario straordinario per la realizzazione del progetto unico Terzo valico dei Giovi e Nodo ferroviario di Genova: Calogero Mauceri
  22. Commissario straordinario con il compito di sovraintendere alle fasi di prosecuzione dei lavori volti al completamento del modulo sperimentale elettromeccanico per la tutela e la salvaguardia della Laguna di Venezia, noto come sistema MOSE: Elisabetta Spitz
  23. Commissario straordinario con il compito di sovraintendere alla progettazione, all’affidamento, e all’esecuzione degli interventi indifferibili ed urgenti volti a fronteggiare la situazione di grave rischio idrogeologico del sistema idrico del Gran Sasso: Corrado Gisonni
  24. Commissario straordinario per l’area del comune di Manfredonia (FG): Carmine Esposito
  25. Commissario straordinario per la gestione del piano di rientro del debito pregresso del comune di Roma: Alessandro Beltrami
  26. Commissario straordinario ai fini della ricostruzione nei territori dei comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati dall'evento sismico del 24 agosto 2016: Giovanni Legnini
  27. Commissario straordinario per lo svolgimento delle attività connesse al programma di ristrutturazione di cui al titolo VIII della legge n. 219/1981: da definire
  28. Commissario straordinario per la bonifica ambientale e rigenerazione urbana dell’area di rilevante interesse nazionale Bagnoli-Coroglio: Gaetano Manfredi (sindaco di Napoli)
  29. Commissario straordinario per la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento alla normativa vigente delle discariche abusive presenti sul territorio nazionale: Giuseppe Vadalà
  30. Commissario per la realizzazione del progetto sportivo delle finali di coppa del mondo e dei campionati mondiali di sci alpino: Valerio Toniolo
  31. Commissario straordinario per la ricostruzione ai sensi dell'art. 1 del d.l. 28/09/2018, nº109: Marco Bucci (sindaco di Genova)
  32. Commissario straordinario per l’area di crisi industriale complessa di TriesteFerriera di Servola: Massimiliano Fedriga (Presidente della giunta regionale del Friuli-Venezia Giulia)
  33. Commissario ad acta per l’attuazione del vigente Piano di rientro dei disavanzi del SSR calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all’articolo 2, comma 88, della L. 23 dicembre 2009, n. 191: Roberto Occhiuto (Presidente della giunta regionale della Calabria)
  34. Commissario generale di sezione per l’Italia per Expo 2020 Dubai: Paolo Glisenti
  35. Commissario straordinario per il recupero degli aiuti di Stato dichiarati illegittimi con la decisione della Commissione europea C (2015) del 14 agosto 2015: Margherita Maria Calabrò
  36. Commissario straordinario per la liquidazione della società EXPO 2015 S.p.A. in liquidazione fino al 31 dicembre 2019: Giovanni Confalonieri
  37. Commissario straordinario per l’area del comune di Castel Volturno (CE): Raffaele Ruberto
  38. Commissario straordinario per la ricostruzione degli immobili e l’assistenza alle popolazioni nei territori dei comuni della Città metropolitana di Catania colpiti dal sisma del 26 dicembre 2018: Salvatore Scalia

Commissari straordinari nominati per la realizzazione degli interventi infrastrutturali prioritari[6]Modifica

Infrastrutture idricheModifica

  1. Dighe di Maccheronis (NU), Monti Nieddu (CA), Medau Aingiu (CA), Cumbidanovu (NU), messe in sicurezza sul fiume Tirso (OR), sul Rio Olai (NU), sul Rio Govossai (NU), sul Rio Mannu di Pattada a Monte Lerno (SS), sul Monte Pranu sul Rio Palmas (OR): Angelica Catalano
  2. Diga di Pietrarossa: Ornella Segnalini
  3. Messa in sicurezza dell'acquedotto del Peschiera-Capore: Massimo Sessa

Infrastrutture portualiModifica

  1. Darsena Europa nel porto di Livorno: Luciano Guerrieri
  2. Rilancio del polo della cantieristica navale nel porto di Palermo e realizzazione del sistema interfaccia Porto-Città: Pasqualino Monti
  3. Realizzazione della nuova diga foranea nel porto di Genova: Paolo Emilio Signorini

Presidi di pubblica sicurezza ed edilizia stataleModifica

  1. Comando VV.F. di Barletta-Andria-Trani e palazzo Fienga di Torre Annunziata: Lucia Conti
  2. Caserma "Boscariello" di Napoli: Giuseppe D'Addato
  3. Realizzazione centro polifunzionale "Bocca di Falco" di Palermo, realizzazione centro polifunzionale "Librino" di Catania, nuovo fabbricato di Crotone, caserma "Manganelli" e riorganizzazione dei presidi di Reggio Calabria: Gianluca Ievolella
  4. Riorganizzazione dei presidi ed immobile "Campanella" di Roma; caserma "Piave" di Nettuno, centro di formazione VV.F. L'Aquila, 4 interventi GdF a Roma (ristrutturazione immobile demaniale in via di Villa Ricotti, riallocazione centro sportivo GdF, nuove strutture nella caserma "Cefalonia-Corfù", ristrutturazione immobile in via Guidubaldo del Monte): Vittorio Rapisarda
  5. Riorganizzazione dei presidi di Bologna, Genova, Milano, Torino; caserma "Cardile" di Alessandria: Fabio Riva

Opere ferroviarieModifica

  1. Completamento raddoppio Pontremolese: Mariano Cocchetti
  2. Raddoppio Codogno-Cremona-Mantova: Chiara De Gregorio
  3. Chiusura anello ferroviario di Roma, nuova linea Ferrandina-Matera, Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria, Alta Velocità Taranto-Potenza-Battipaglia, raddoppio Ponte San Pietro-Bergamo-Montello, Gallarate-Rho, Bergamo-aeroporto di Orio al Serio, quadruplicamento Milano Rogoredo-Pavia: Vera Fiorani
  4. Potenziamento linea Fortezza-Verona, variante Val di Riga e PRG di Bressanone: Paola Firmi
  5. Alta Velocità Brescia-Verona-Padova, potenziamento linea Venezia-Trieste, raddoppio Genova-Ventimiglia, Roma-Pescara, Orte-Falconara, collegamento ferroviario con l'aeroporto di Venezia, Tortona-Voghera, raddoppio Empoli-Siena, interscambio di Pigneto, raddoppio Lunghezza-Guidonia, quadruplicamento Ciampino-Capannelle, raddoppio Cesano-Bracciano: Vincenzo Macello
  6. Linea Bussoleno-Avigliana-Orbassano: Calogero Mauceri
  7. Completamento raddoppio Pescara-Bari, realizzazione delle opere relative alla tratta Napoli-Bari, potenziamento Lamezia Terme-Catanzaro Lido: Roberto Pagone
  8. Linea Palermo-Milo-Trapani, Alta Velocità Palermo-Catania-Messina, bypass ferroviario di Augusta, collegamento ferroviario nel porto di Augusta: Filippo Palazzo

Strade e ANASModifica

  1. SS 182: Francesco Caporaso
  2. SS 45: Aldo Castellari
  3. Varianti della SS 1, ponte Corleone di Palermo, SS 27: Matteo Castiglioni
  4. SS 640, SS 284, tangenziale di Gela, variante Trapani-Mazara del Vallo: Raffaele Celia
  5. SS 675: Ilaria Maria Coppa
  6. Cisterna-Valmontone: Antonio Mallamo
  7. SS 17: Antonio Marasco
  8. SS 16, SS 89, SS 647, SS 275: Vincenzo Marzi
  9. SS 212, SS 268: Nicola Montesano
  10. SS 64, SS 42, collegamento Vigevano-Malpensa, SS 12, SS 80, SS 372: Eutimio Mucilli
  11. Collegamento della SS 194 e della SS 514: Nello Musumeci (Presidente della giunta regionale della Sicilia)
  12. SS 20: Nicola Prisco
  13. SS 106 e E78: Massimo Simonini
  14. SS 4: Fulvio Maria Soccodato
  15. Collegamento SS 16-porto di Ancona: Paolo Testaguzza

Trasporto rapido di massaModifica

  1. Linea C della metropolitana di Roma: Maurizio Gentile
  2. Nuove linee della rete tranviaria di Roma: Paolo Delli Veneri
  3. Metropolitana di Catania: Virgilio Di Giambattista

NoteModifica

  1. ^ Ilaria Pavan, Il podestà ebreo. La storia di Renzo Ravenna tra fascismo e leggi razziali, pag. 46.
  2. ^ a b c d e Report, Perché...i commissari? di Chiara Baldassari, Giuliano Marrucci Archiviato il 17 luglio 2009 in Internet Archive.
  3. ^ a b c d e Daria Simeone, "E i commissari oramai sono ordinari", DNews, 22 giugno 2009
  4. ^ Città metropolitana di Messina
  5. ^ Governo italiano - amministrazione trasparente: commissari straordinari, su presidenza.governo.it. URL consultato il 7 ottobre 2021.
  6. ^ Ai sensi dell'art. 4, comma 1, del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55

BibliografiaModifica

  • Ilaria Pavan, Il podestà ebreo. La storia di Renzo Ravenna tra fascismo e leggi razziali, Roma-Bari, Laterza, 2006, ISBN 88-420-7899-9.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2034