Monastero di San Salvatore a Fontebona

edificio religioso di Castelnuovo Berardenga
Ex monastero di San Salvatore a Fontebona
CastelnuovoBerardengaBadiaMonasteroSanSalvatoreFontebona1.jpg
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàBadia Monastero (Castelnuovo Berardenga)
Religionecristiana cattolica di rito romano
TitolareGesù
Diocesi Arezzo-Cortona-Sansepolcro
FondatoreWiginisio
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione867
Completamento1806

Coordinate: 43°20′51.17″N 11°33′05.58″E / 43.347547°N 11.551549°E43.347547; 11.551549

Il monastero di San Salvatore a Fontebona si trova a Badia Monastero nel comune di Castelnuovo Berardenga.

Storia e architetturaModifica

Fondato nell'867 da Wiginisio, comes senese (conte di Siena), capostipite della famiglia di origine salica detta successivamente Berardenga o Berardenghi,[1] nel XIX secolo fu trasformato in villa.

La chiesa presenta un impianto a croce latina, con una navata di breve sviluppo, perché accorciata per creare un accesso diretto al chiostro.

In origine la facciata si attestava all'alta torre campanaria, una delle più belle del Senese. La parte presbiteriale conserva i caratteri romanici, con i bracci del transetto coperti con crociere, l'abside semicircolare e la cupola ellittica protetta esternamente da un tiburio ottagonale. La plastica dei capitelli, la decorazione esterna ad arcate cieche, la presenza di rombi e di tondi scorniciati, un accenno di bicromia denunciano un'influenza pisana.

Più antica della chiesa appare la cripta, appartenuta a un edificio precedente.

Opere già in locoModifica

NoteModifica

  1. ^ Eugenio Casanova (a cura di), Il cartulario della Berardenga, 1927, anno 867, LIII, e anno 1003, II

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica