Apri il menu principale
Mondo S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1948 a Alba fraz.Gallo d'Alba
Fondata daEdmondo Stroppiana
Sede principalePiazzale E.Stroppiana 1
12060 Gallo d'Alba
Prodottipalloni, giocattoli, impianti sportivi
Dipendenti900 (2018)
Sito web

La Mondo S.p.A. è una multinazionale italiana, fondata da Edmondo Stroppiana (da qui il nome dell'azienda) nel 1948 con sede a Gallo d'Alba e specializzata in pavimentazione sportive e civili e in giocattoli. Dal 1976 è fornitrice ufficiale delle Olimpiadi.

Altre linee di produzione comprendono i palloni Super Tele e Super Santos, le automobiline da collezione Mondo Motors e i giocattoli Mondo Toys.

Indice

StoriaModifica

Gli iniziModifica

All'inizio è solo una bottega in cui Edmondo Stroppiana (1888-1964)[1] ripara gomme bucate e produce anche un pallone elastico utilizzato in uno sport tipico della zona e chiamato "pallapugno".[2] Si fa aiutare dai due figli maschi al loro ritorno da scuola: Ferruccio, il più grande, ed Elio, di sette anni più giovane.[3] Molte strade sono all'epoca ancora sterrate e il lavoro non manca. Per la colla necessaria per fissare le toppe alle camera d'aria, Ferruccio si reca a Torino dove impara anche come farla mescolando un solvente e resina di pino. Nasce così l'etichetta "Tenax", la colla che padre e figli Stroppiana raccolgono in tubetti e poi Ferruccio va a venderli in bicicletta nei paesi vicini.[4]

Lo sviluppoModifica

A metà degli anni Cinquanta è Ferruccio a coinvolgere il padre e il fratello nel realizzare pavimenti di gomma dopo aver visto quelli della Pirelli. Il primo nel 1958 in una palestra di Alba, quindi un'altra palestra a Savona, nel 1961 i padiglioni di Italia 61 a Torino. Dalle palestre ai campi di tennis e di atletica, con Elio trasformato in chimico autodidatta per trovare la formula giusta nelle mescole di gomma. Nel 1976 gli Stroppiana forniscono pavimenti di gomma per le piste atletiche delle Olimpiadi di Montreal e da allora continueranno a farlo per tutte le successive Olimpiadi, da Mosca sino a Pechino. Pavimenti anche per lee costruzioni civili, dall'Europarlamento di Strasburgo alla Borsa di Singapore, dalla Biblioteca Vaticana all'ospedale San Raffaele di Milano.[5] sino alle metropolitane di New York e Londra.[1] Producono anche tappetini di gomma per le auto (marchio Elios) e palle e palline di gomma per le aziende, dalla Plasmon alla Ferrero, che le utilizzano come regali per chi compra determinati loro prodotti. E grazie alle licenze Disney e Mattel, realizzano giocattoli in gomma. A metà degli Settanta l'azienda diversifica anche nella nautica grazie alla passione per le barche di Elio e Ferruccio: nasce così Mondo Marine con cantiere a Savona.[6]

La crisiModifica

Nel 2012 l'azienda incontro difficoltà economiche e nel maggio 2013 presenta in tribunale la richiesta di concordato in continuità. Tre anni di ristrutturazione con una diminuzione di un centinaio di dipendenti prima di uscire fuori dalla crisi nel 2017.[7]

NoteModifica

  1. ^ a b Giovanni Edmondo Stroppiana, su centrostudibeppefenoglio.it. URL consultato il 15 maggio 2019.
  2. ^ Un ex gommista costruisce gli impianti per le Olimpiadi, su ilgiornale.it, 29 ottobre 2005. URL consultato il 4 maggio 2019.
  3. ^ Alberto Mazzuca, op.cit. p.266
  4. ^ Mauro Castelli, op. cit. p. 309
  5. ^ Mauro Castelli, op.cit., p. 311
  6. ^ Alberto Mazzuca, op.cit., p. 267
  7. ^ Il rilancio della Mondo dopo 4 anni di crisi, su lastampa.it, 14 febbraio 2017. URL consultato il 15 maggio 2019.

BibliografiaModifica

  • Alberto Mazzuca, I numeri uno del made in Italy, Milano, Baldini Castoldi Dalai Editore, 2005 ISBN 88-8490-796-9
  • Mauro Castelli, Una marcia in più, Milano, Il Sole 24 Ore, 2006 ISBN 88-8363-764-X

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica