Il monte Pecoraro (/peko'raro/, Picuraru in dialetto calabrese) con i suoi 1423 metri è il monte più alto delle serre calabresi e della provincia di Vibo Valentia; la cima del monte si trova nel comune di Mongiana.

Monte Pecoraro
Insegna della casa cantoniera di monte Pecoraro
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione  Calabria
Provincia  Vibo Valentia
Altezza1 423 m s.l.m.
Prominenza653 m
CatenaSerre calabresi
Coordinate38°31′59.88″N 16°19′59.88″E
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Pecoraro
Monte Pecoraro
Vecchia casa cantoniera di monte Pecoraro (2008)

Su di esso nasce la fiumara Ancinale che sfocia nel golfo di Squillace.

Attività antropica

modifica
 
Ripetitore sulla sommittà del monte Pecoraro

Sul ciglio della ex strada statale 110 di Monte Cucco e Monte Pecoraro che attraversa il monte Pecoraro fu edificata, oggi abbandonata, la casa cantoniera di Monte Pecoraro.

Sulla sommità del monte vi è la presenza di due ripetitori. Nel 1911 vi fu una installata una stazione pluviometrica, e una seconda nel 1923[1].

Dalla vecchia casa cantoniera parte uno sterrato che conduce alla Pietra del Caricatore, uno alla Pietra del Boaro e uno alla villa e al lago-diga di Ferdinandea.

Alla fine di settembre del 2012 viene annunciata la scoperta da parte del Diving Center Punta Stilo dei resti di un antico complesso megalitico in località Boario nei pressi del monte Pecoraro[2].

  1. ^ http://www.cfd.calabria.it/DatiVari/midmar/Annali/1926%20p2.pdf Annali idrologici del 1926 del Ministero dei lavori pubblici - Servizi idrografici cfd.calabria.it
  2. ^ Stilo. Il Diving Center ha scoperto un villaggio megalitico nel bosco, in Newz.it.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica
  Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria