Apri il menu principale
Monts d'Arrée/Menez Are
Bretagne Finistere RocTrevezel 1991 002.jpg
Roc'h Trévezel nei Monts d'Arrée
ContinenteEuropa
StatiFrancia Francia
Catena principaleMassiccio armoricano
Cima più elevataRoc'h Ruz (384 m s.l.m.)
Superficie600 km2
Tipi di roccerocce sedimentarie e metamorfiche

I Monts d'Arrée (in bretone: Menez Are; 60.000 ha. circa[1]) sono – insieme alle Montagnes Noires – una delle due catene montuose della Bretagna (Francia nord-ovest), di cui costituiscono – con un'altezza massima che non supera i 385 metri – anche le vette mediamente più alte[2].
Si trovano tra il dipartimento del Finistère (Bretagna nord-occidentale) e il dipartimento delle Côtes-d'Armor e fanno parte del Parco Naturale Regionale d'Armorica (Parc naturel régional d'Armorique)[2], oltre che del Massiccio armoricano.

Queste montagne sono legate a leggende celtiche sulla stregoneria.[1][3][4]

Tra le località che si trovano ai piedi dei Monts d'Arrée vi sono: Botmeur, Brasparts, Brennilis, Commana, La Feuillée, Loqueffret, Sizun, nel Finistère, ecc.

La vetta più alta il Roc'h Ruz, che con i suoi 384 m di altezza, è anche la montagna in assoluto più alta della Bretagna.

GeografiaModifica

CollocazioneModifica

I Monts d'Arrée si trovano nella parte orientale del Finistère settentrionale, ai confini con il dipartimento delle Côtes-d'Armor, nonché nella parte occidentale di questo dipartimento.

Un tempo tracciavano il confine tra le antiche regioni della Cornouaille e del Pays de Léon[1].

Principali vette dei Mont d'ArréeModifica

 
Roc'h Trédudon

PopolazioneModifica

La zona non è densamente popolata: non si superano i 40 abitanti per chilometro quadrato[1].

GeologiaModifica

I Mont d'Arrée sono formati da rocce sedimentarie e da rocce metamorfiche.

Da vedereModifica

Nella zona si trova l’Ecomusée des Monts d'Arrée , dove sono state ricostruite le tradizioni locali, con due antichi mulini e una conceria.[2]

LeggendeModifica

Secondo le antiche leggende bretoni, sui Monts d'Arrée, a Yeun Ellez, si trova lo Youdig, vale a dire una delle porte che mettono in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti; superata questa porta, dentro la quale si viene condotti da una figura scheletrica chiamata Ankou, ci si trova in un luogo gelido e nebbioso.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley, London, 2003 – Mondadori, Milano, 2004, p. 140
  2. ^ a b c Patitz Alex, Guide Marco Polo – Bretagna, traduzione di Cinzia Seccamani, Mairs Geographischer Verlag, Ostfildern – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1999
  3. ^ Condé Nast Traveller - Bretagna, Edizioni Condé Nast, Milano, Marzo 2005, pp. 115 - 116
  4. ^ Parc Naturel d'Armorique: Les Monts d'Arrée
  5. ^ Condé Nast Traveller - Bretagna, op. cit., p. 116

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica