Mulloidichthys flavolineatus

specie di pesce
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mulloidichthys flavolineatus
Mulloidichthys flavolineatus - Yellowstripe goatfish.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Mullidae
Genere Mulloidichthys
Specie M. flavolineatus
Nomenclatura binomiale
Mulloidichthys flavolineatus
(Lacépède, 1801)

Mulloidichthys flavolineatus (Lacépède, 1801) è un pesce appartenente alla famiglia Mullidae proveniente dalle regioni tropicali dell'Indo-Pacifico[1].

Mulloidichthys flavolineatus e Labroides bicolor

Distribuzione e habitatModifica

Proviene dalle barriere coralline dell'oceano Pacifico, dell'oceano Indiano e del Mar Rosso. Predilige le zone con fondali sabbiosi, fino a circa 76 m di profondità. È una specie comune.

DescrizioneModifica

Presenta un corpo leggermente compresso sull'addome, che può occasionalmente arrivare a 43 cm di lunghezza anche se di solito non supera i 25. La colorazione è abbastanza variabile, ma sui fianchi è presente una linea gialla orizzontale che attraversa tutto il corpo, interrotta da una macchia nera ovale. La pinna caudale è giallastra e biforcuta.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

Può formare grandi banchi.

AlimentazioneModifica

Si nutre di pesci più piccoli e di invertebrati acquatici come molluschi bivalvi e gasteropodi, vermi policheti (Sabella), ricci di mare e crostacei, soprattutto gamberi[2].

PredatoriModifica

È spesso preda di Gymnothorax flavimarginatus[3].

TassonomiaModifica

È la specie tipo del genere Mulloidichthys[1].

PescaModifica

Viene pescato abbastanza frequentemente.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Vanden Berghe, Edward, Mulloidichthys flavolineatus, in WoRMS (World Register of Marine Species).
  2. ^ Alimentazione, su fishbase.org. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  3. ^ Predatori, su fishbase.org. URL consultato il 20 febbraio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci