Apri il menu principale

Caratteristiche e stileModifica

È caratterizzato soprattutto per la produzione di film a bassissimo budget (spesso utilizzando telecamere digitali), incentrato essenzialmente sui rapporti personali tra trentenni, con sceneggiature improvvisate e attori non professionisti. Registi di questo genere sono Lynn Shelton, Andrew Bujalski, Mark Duplass, Jay Duplass, Aaron Katz, Joe Swanberg e Barry Jenkins.

Il termine mumblecore è stato coniato da Eric Masunaga, un montatore del suono che ha lavorato con Bujalski. Masunaga, interrogato su quale potesse essere una caratteristica comune a tre film proiettati durante il South by Southwest Film Festival del 2005, indicò che tutti i personaggi borbottavano (mumbling characters)[1] (di qui, la sincrasi mumble-core, "nucleo borbottante", su calco di hardcore e simili); ma è stato Bujalski che per primo ha utilizzato il termine in un'intervista con IndieWire. I registi dei film sono talvolta collettivamente indicati come mumblecorps.

I giornalisti cinematografici hanno anche usato i termini Bedhead cinema e Slackavetes, in riferimento al regista John Cassavetes e ai dialoghi di Richard Linklater nel film Slacker.

OmaggiModifica

Nel 2007 l'IFC Center di New York ha allestito una rassegna di dieci film mumblecore, intitolata The New Talkies: Generation D.I.Y..

Lista parziale di film mumblecoreModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica