Munich Machine

gruppo musicale tedesco
Munich Machine
Paese d'origineGermania Germania
GenereDisco
Funk
Periodo di attività musicale1977 – 1979
EtichettaAriston Records, Casablanca Records
Album pubblicati4
Studio4

I Munich Machine sono stati un gruppo musicale attivo alla fine degli anni Settanta.

StoriaModifica

Fondato dall'allora emergente Giorgio Moroder, annovera, tra gli autori più importanti, la figura di Pete Bellotte.

Il primo album esce nel 1977. Si tratta di una collaborazione con Giovanni Fenati, pianista che era specializzato in musica jazz.

Successivamente, viene pubblicato l'LP omonimo: Munich Machine. L'opera presenta il celebre brano Get on the Funk Train, una delle prime hit per il DJ bolzanino. Il disco rimane nella classifica statunitense degli album per quasi tutto l'anno. È stato realizzato in collaborazione con Donna Summer, la quale poco tempo dopo diventerà celebre per I Feel Love, canzone prodotta dagli stessi Moroder e Bellotte.[1][2]

Il terzo lavoro, A Whiter Shade of Pale, fa esordire la cantante Christine Bennett, corista che interpreta lo stesso anno alcuni pezzi tratti dalla colonna sonora di Fuga di mezzanotte. Fra i musicisti più famosi, si ricorda anche il prezioso intervento del batterista Keith Forsey.[3]

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

  • 1977 – Disco Symphony
  • 1977 – Munich Machine
  • 1978 – A Whiter Shade of Pale
  • 1979 – Body Shine

NoteModifica

  1. ^ Munich Machine, su discogs.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) Dance Club Songs Chart, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 27 febbraio 2021.
  3. ^ Munich Machine Introducing Chris Bennett - A Whiter Shade of Pale, su discogs.com, Discogs. URL consultato il 27 febbraio 2020.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122768353 · ISNI (EN0000 0001 1464 5983 · LCCN (ENn93017175 · GND (DE10275959-5 · WorldCat Identities (ENlccn-n93017175
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica