Mus minutoides

specie di animale della famiglia Muridae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Topo pigmeo sudafricano
Mus musculoides hirse fressend.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Mus
Specie M. minutoides
Nomenclatura binomiale
Mus minutoides
Smith, 1834

Il topo pigmeo sudafricano (Mus minutoides Smith, 1834) è un roditore della famiglia dei Muridi diffuso nell'Africa orientale e meridionale.[1][2]

DescrizioneModifica

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 45 e 77 mm, la lunghezza della coda tra 35 e 63 mm, la lunghezza del piede tra 8 e 15 mm, la lunghezza delle orecchie tra 7 e 14 mm e un peso fino a 12 g.[3]

La pelliccia è alquanto corta e rigida. Il capo, la parte superiore del collo, ed il centro della schiena sono colorati di nero, marrone e fulvo, mentre il resto delle parti superiori è giallo-rossastro o fulvo, con dei riflessi nerastri. Il labbro superiore, il mento, la gola e le parti ventrali sono bianchi, mentre le estremità delle zampe sono bianco-rossastre. Le vibrisse sono marrone chiaro. Le orecchie sono cosparse di pochi piccoli peli fulvi. La coda è più corta della testa e del corpo, è uniformemente marrone e ricoperta finemente di piccoli peli biancastri. Il cariotipo è 2n=18-34 FN=35-36.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

È una specie notturna e terricola. Si rifugia in tane nel terreno o sotto tronchi caduti. Talvolta entra nelle case.

AlimentazioneModifica

Si nutre di semi d'erba e insetti.

RiproduzioneModifica

Le femmine danno alla luce 1-7 piccoli durante i mesi più caldi e dopo una gestazione di 19 giorni.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è diffusa nell'Africa meridionale ed orientale.

Vive in diversi tipi di habitat, come fynbos, savane, prati, vlei, ambienti fluviali e anche aree urbane fino a 2.400 metri di altitudine.

TassonomiaModifica

Sono state riconosciute 3 sottospecie:

Stato di conservazioneModifica

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione numerosa, la presenza in diverse aree protette e la tolleranza alle modifiche ambientali, classifica M.minutoides come specie a rischio minimo (LC).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Monadjem, A. 2008, Mus minutoides, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mus minutoides, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Skinner & Chimimba, 2005.

BibliografiaModifica

  • Gus Mills & Lex Hes, The complete Book of southern African Mammals, Struik Publishers, 1997, ISBN 9780947430559.
  • J.D.Skinner & Christian T.Chimimba, the Mammals of the Southern African Sub-region, 3rd Edition, Cambridge University Press, 2005, ISBN 9780521844185.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi