Apri il menu principale
Museo diocesano Catania
Logo MuseoDiocesanoCatania.jpg
Catania - Palazzo del Seminario dei Chierici.jpg
Museo, nel palazzo del Seminario dei Chierici
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàCatania-Stemma.png Catania
IndirizzoVia Etnea, 8
Caratteristiche
TipoArte sacra
Sito web

Coordinate: 37°30′07.09″N 15°05′15.62″E / 37.501969°N 15.087671°E37.501969; 15.087671

Il museo diocesano di Catania ha sede nel Palazzo del Seminario dei Chierici attiguo alla cattedrale di Sant'Agata. Dal museo si accede sia alle terrazze del succitato palazzo e di Porta Uzeda, da cui si possono ammirare due panorami: da un lato Piazza del Duomo di Catania con la Fontana dell'Elefante e Via Etnea con il vulcano Etna sullo sfondo; dall'altro, le mura di Carlo V, il Porto di Catania con gli Archi della Marina fino al Castello Ursino. Sempre dal museo si accede anche al complesso sotterraneo delle Terme Achilliane, un viaggio nelle viscere della città, dove scorre il fiume Amenano le cui acque risalgono in superficie nella vicina Fontana dell'Amenano fra la suddetta Piazza del Duomo e Piazza Alonzo di Benedetto, dove c'è la pescheria.

Indice

MuseoModifica

Il museo è strutturato in due distinte sezioni che comprendono, la prima, gli arredi sacri della cattedrale di Catania e la seconda, arredi provenienti da altre chiese della città e da chiese della provincia etnea. Quest'ultima sezione comprende anche la pinacoteca inserita nel museo.

L'ambiente espositivo è suddiviso su quattro piani oltre ad un ambiente a piano terra che contiene il fercolo di Sant'Agata, in argento finemente cesellato.

Consta di nove sale suddivise nei quattro piani:

  • Piano terra - Ingresso, bar e Sala 9 - ambiente dove è custodito il fercolo di sant'Agata o come detto dai catanesi 'a vara.
  • Piano primo - Sala audiovisivi
  • Piano secondo
    • Sala 1 - La sala contiene alcuni reperti marmorei risalenti ad epoche che vanno dalla fondazione della Cattedrale (1069) al terremoto del 1693 che rase al suolo Catania. Sono inoltre contenuti altri cimeli in oro e argento fra cui la spada di Ludovico d'Aragona.
    • Sala 2 - Nella sala è custodito il tesoro della Cattedrale, per la maggior parte risalente al XVIII secolo e seguenti, visto che i tesori precedenti andarono quasi completamente dispersi nel terremoto del 1693. Esso è costituito da reliquiari, calici, pissidi e ostensori, oltre a bastoni pastorali ed altri accessori religiosi.
    • Sala 3 - Questa sala conserva i paramenti liturgici dei vescovi e cardinali che sono stati a capo dell'arcidiocesi di Catania, anche qui prevalentemente quelli che lo furono dopo il terremoto di cui si è detto.
    • Sala 4 - Qui sono custoditi cimeli riguardanti sant'Agata e antichi vestimenti sacri legati alle celebrazioni agatine compreso un pallio preziosissimo opera dell'artista Saverio Corallo.
  • Piano terzo
    • Sala 5 - La sala ospita ritratti e busti marmorei dei vescovi succedutisi negli ultimi due secoli oltre a cimeli di loro oggetti personali.
    • Sala 6 - In questa sala sono esposti oggetti sacri e arredi provenienti da altre chiese della diocesi
    • Sala 7 - Questa è la pinacoteca ed ospita dipinti che vanno dal XIV secolo al XX secolo.
  • Piano quarto
    • Sala 8 - La sala custodisce arredi lignei, ori e argenti e paramenti sacri provenienti da altre chiese dell'arcidiocesi.
  • Terrazzo - Dal terrazzo si gode una vista panoramica sulla Catania barocca e dell'Etna sullo sfondo di via Etnea.

NoteModifica


Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE10203838-7