Apri il menu principale

Mustela kathiah

specie di animale della famiglia Mustelidae

DescrizioneModifica

 
Pelli di donnola dal ventre giallo.

La donnola dal ventre giallo si differenzia dalle altre donnole per avere una coda relativamente lunga. Presenta un mantello di colore marrone scuro sulle regioni superiori e giallo su quelle inferiori. Labbra e gola sono biancastre; un'altra caratteristica peculiare della specie è quella di avere le piante delle zampe posteriori prive di peli. Ha una lunghezza testa-corpo di 25–27 cm e una coda di 13–15 cm[2].

Distribuzione e habitatModifica

La donnola dal ventre giallo vive nelle regioni montuose asiatiche ad altitudini comprese tra i 1800 e i 4.000 m. Nell'Himalaya nepalese è stata rinvenuta anche a 4.880 m di quota[3]. Il suo areale si estende dalla regione himalayana fino alla Cina meridionale e al Sud-est asiatico[1].

BiologiaModifica

Come la maggior parte delle donnole, anche quella dal ventre giallo conduce vita prevalentemente crepuscolare o notturna ed è probabilmente solitaria. Le sue tane sono state trovate sotto le radici degli alberi, tra le rocce, nelle cavità degli alberi e nelle dimore abbandonate da altri tipi di animali. La sua dieta consiste principalmente da piccoli mammiferi come topi, ratti e arvicole, ma cattura anche uccelli[2].

TassonomiaModifica

Gli studiosi riconoscono due sottospecie[4]:

  • M. k. kathiah Hodgson, 1835 (Regione himalayana, Cina meridionale e Sud-est asiatico);
  • M. k. caporiaccoi de Beaux, 1935 (Jammu e Kashmir).

Stato di conservazioneModifica

In alcune regioni la donnola dal ventre giallo viene tenuta come un animale da compagnia, perché consuma un gran numero di roditori ritenuti nocivi. È piuttosto comune e non figura tra le specie in via di estinzione[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Willcox, D.H.A., Duckworth, J.W., Timmins, R.J., Abramov, A.V., Choudhury, A., Chutipong, W., Chan, B., Lau, M. & Roberton, S. 2016, Mustela kathiah, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b Ronald M. Nowak: Walker's Mammals of the World. Johns Hopkins University Press, 1999, ISBN 0-8018-5789-9.
  3. ^ Tej Kumar Shrestha: Wildlife of Nepal – A Study of Renewable Resources of Nepal Himalayas. Tribhuvan University, Kathmandu 2003, ISBN 99933-59-02-5.
  4. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mustela kathiah, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi