Apri il menu principale
Nagapattinam
Municipalità (Municipality)
நாகப்பட்
Nagapattinam – Veduta
Localizzazione
StatoIndia India
Stato federatoSeal of Tamil Nadu.jpg Tamil Nadu
DivisioneNon presente
DistrettoNagapattinam
Territorio
Coordinate10°46′N 79°50′E / 10.766667°N 79.833333°E10.766667; 79.833333 (Nagapattinam)Coordinate: 10°46′N 79°50′E / 10.766667°N 79.833333°E10.766667; 79.833333 (Nagapattinam)
Altitudine0[1] m s.l.m.
Superficie17,92 km²
Abitanti
Altre informazioni
Linguetamil, inglese
Cod. postale611001[2]
Prefisso4365[3]
Fuso orarioUTC+5:30
Cartografia
Mappa di localizzazione: India
Nagapattinam
Nagapattinam

Nagapattinam (in tamil நாகப்பட்டினம்o, anticamente traslitterato Negapatnam; nota anche come Naganadu, Cholakula Vallippatinam, Shiva Rajadhani e infine come Coromandel dai Portoghesi sino al tardo '700) è una suddivisione dell'India, classificata come municipality, di 92.525 abitanti, capoluogo del distretto di Nagapattinam, nello stato federato del Tamil Nadu. In base al numero di abitanti la città rientra nella classe II (da 50.000 a 99.999 persone)[4].

Geografia fisicaModifica

La città è situata a 10° 46' 0 N e 79° 49' 60 E al livello del mare[1].

StoriaModifica

AntichitàModifica

Tolomeo, geografo romano del II secolo, la menziona con il nome di Nikam, descrivendola quale uno dei maggiori centri commerciali dalla regione.
Dall'VIII secolo esso divenne un centro di propagazione buddista e, nell'XI secolo, all'epoca del re Rajaraja Chola I della Dinastia Chola, il principe giavanese Sri Vijaya Soolamanivarman, vi fece costruire il monastero (vihara) di Chudamani Vihara, non più esistente (mentre sussistono tracce di coevi templi śivaisti. In quell'epoca, Nagapattinam era il principale porto indiano dei Chola, che se ne servivano tanto quale base commerciale, quanto militare, per le loro conquiste in oriente.

Impero portogheseModifica

Al principio del XVI secolo iniziarono le prime visite dei montanti navigatori portoghesi: essi, che conoscevano la città con il nome di 'Coromandel', vi stabilirono, nel 1554, una base commerciale.

Impero olandeseModifica

Nel 1657 la città venne occupata dalla Compagnia Olandese delle Indie Orientali, che ne fecero la propria principale base in India. Nel 1676, tale possedimento venne confermato da Venkaji, un principe Maratha insediato a Tanjore.
Nel 1758, di fronte alla città, si svolse la prima battaglia navale di Negapatam, fra una squadra francese ed una britannica, nell'ambito della Guerra dei sette anni.

Impero britannicoModifica

Nel contesto della Quarta guerra anglo-olandese, nel 1781 essa venne occupata dalla Compagnia Inglese delle Indie Orientali, eppoi, il 6 luglio 1782, nelle acque antistanti si svolse la seconda battaglia navale di Negapatam, ancora una volta fra una squadra francese ed una britannica.
Il possesso britannico venne confermato dal Trattato di Parigi del 3 settembre 1783, che concluse il conflitto. Da notare come le Province Unite non si rassegnarono subito alla cessione, e rimandarono la ratifica del Trattato sino al 20 maggio 1784.
Di lì a poco, con il Trattato di Amiens del 25 marzo 1802, venne ceduta alla Gran Bretagna anche la grande colonia dell'isola di Ceylon. Dalché agli olandesi rimasero, in India, solo alcuni possedimenti marginali, poi definitivamente scambiate a fronte di adeguate compensazioni nell'arcipelago malese, con il successivo Trattato anglo-olandese del 1814 eppoi quello del 1824.
Dal 1799 al 1845 essa servì da capoluogo del distretto di Tanjore.

Lo tsunami del 2004Modifica

In epoca assai più recente, nel 2004, la città venne gravemente ferita dallo tsunami che seguì il grande maremoto che sconvolse l'Oceano Indiano.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Al censimento del 2001 la popolazione di Xxx assommava a 92.525 persone, delle quali 45.936 maschi e 46.589 femmine. I bambini di età inferiore o uguale ai sei anni assommavano a 10.810, dei quali 5.642 maschi e 5.168 femmine. Infine, coloro che erano in grado di saper almeno leggere e scrivere erano 68.585, dei quali 36.630 maschi e 31.955 femmine.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Falling Rain Genomics, Inc, Nagappattinam, India Page, su fallingrain.com. URL consultato l'11-07-2008.
  2. ^ (EN) India Post, Pincode search - Nagapattinam, su indiapost.gov.in. URL consultato il 28-07-2008.
  3. ^ (EN) Bharat Sanchar Nigam Ltd, STD Codes for cities in Tamil Nadu, su bsnl.co.in. URL consultato il 28-07-2008 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2008).
  4. ^ (EN) Census of India, Alphabetical list of towns and their population - Tamil Nadu (PDF), su censusindia.gov.in. URL consultato il 21-05-2008.
  5. ^ (EN) Census of India 2001, Population, population in the age group 0-6 and literates by sex - Cities/Towns (in alphabetic order): 2001, su censusindia.net. URL consultato il 20-06-2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2004).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN138557732 · LCCN (ENn98925150 · GND (DE4041132-1 · WorldCat Identities (ENn98-925150
  Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India