Necromanteion
Nekromanteion
Basement of Necromanteion.jpg
Uno dei tunnel sotterranei del Necromanteion, attraverso i quali accedevano i pellegrini
Civiltàgreca
Utilizzotempio
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
PeriferiaEpiro
Amministrazione
VisitabileVisitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 39°14′10.36″N 20°32′04.27″E / 39.236211°N 20.534519°E39.236211; 20.534519

Labirinto che dava accesso alla sala principale del Santuario

Il Necromanteion, o Nekromanteion (in greco antico: Νεκρομαντεῖον), era un tempio di necromanzia dell'antica Grecia dedicato a Ade e Persefone. Secondo la tradizione, si trovava sulle rive dell'Acheronte in Epiro, vicino all'antica città di Efira. Questo sito era ritenuto dai devoti come la porta da cui si accedeva al regno dei morti. Il sito si trovava nel punto in cui si incontravano i fiumi Acheronte, Flegetonte e Cocito: la gente credeva che i flussi portassero nell'aldilà. Il significato dei nomi dei fiumi è stato interpretato come "priva di gioia", "carboni ardenti" e "lamento".[1]

Nel 1958 ne fu proposta una localizzazione alternativa in un sito presso Mesopotam, nell'Epiro settentrionale (ora in Albania), ma tale identificazione è contestata.

Indice

ScenarioModifica

 
Sala principale del Santuario

Il termine Necromanteion significa "Oracolo della morte", e i fedeli venivano qui per parlare con i loro antenati morti. Anche se altri templi antichi, come il Tempio di Poseidone a Taenaron nonché quelli dell'Argolide, di Cuma, e di Heraclea Pontica sono noti per aver ospitato oracoli dei morti, il Necromanteion di Ephyra è stato il più importante.[2] Esso apparteneva ai Tesprozi, una tribù greca dell'Epiro. Secondo Erodoto, fu al Necromanteion che Periandro, tiranno di Corinto del VI secolo a.C., inviò una legazione per far porre delle domande alla sua moglie morta, Melissa.[3] Nell'Odissea di Omero, il Necromanteion venne anche descritto come l'ingresso attraverso il quale Ulisse fece il suo ingresso a Nekyia.[4]

Uso ritualeModifica

 
Tunnel sotterraneo

L'uso rituale del Necromanteion coinvolgeva elaborate cerimonie in cui i celebranti cercavano di parlare con i morti che si sarebbero raccolti in uno ziggurat - simil tempio[5] per consumare un pasto a base di fave, carne di maiale, pane d'orzo, ostriche, e un composto narcotico.[2][6] A seguito di una cerimonia di purificazione e dopo il sacrificio di pecore, i fedeli scendevano attraverso una serie ctonia di meandrici corridoi lasciando offerte al loro passaggio attraverso una serie di cancelli di ferro. Il nekyomanteia avrebbe posto una serie di domande e preghiere cantando e i celebranti poi avrebbero assistito al fatto che il sacerdote sarebbe emerso dalla terra e avrebbe cominciato a volare attorno al tempio attraverso l'uso di una gru teatrale.[6]

Il Necromanteion funzionò fino al 167 a.C. quando fu saccheggiato e distrutto dai Romani.

Sito archeologicoModifica

Un sito archeologico scoperto nel 1958 e scavato nei periodi 1958-1964 e 1976-1977 venne identificato come il Necromanteion dall'archeologo Sotirios Dakaris in base alla sua posizione geografica e alle sue somiglianze con le descrizioni presenti in Erodoto e Omero.[7] Tuttavia, la sua situazione topografica su una collina che domina il sito non si adatta a questa interpretazione e alle rovine datate non prima del IV secolo a.C.[8]

Oggi si pensa anche che il sito potesse essere una masseria fortificata di una specie comune nel periodo ellenistico.[9] Oltre a discrete quantità di ceramiche per la casa, il sito ha restituito armi e strumenti agricoli, tra cui pila romani dalla distruzione definitiva del sito da parte dei Romani nel 167 a.C.[10] La cosa più sorprendente trovata furono 21 rondelle ( modioli di bronzo) provenienti da almeno sette catapulte diverse, che Dakaris identificò erroneamente come componenti di una gru.[11]

CronologiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Olalla, Pedro. Mythological Atlas of Greece. Athens: Road Editions, 2002, p. 38. See also map 20 in this book.
  2. ^ a b Newsfinder (2002) "The Nekromanteio at Acheron", Accessed: October 13, 2008.
  3. ^ Erodoto. Storie, 5.92.
  4. ^ Odissea, X, 513 e segg.
  5. ^ Ephyra's Nekromanteion
  6. ^ a b Ancient Greek Inventions (Michael Lahanas)
  7. ^ S. Dakaris, The Antiquity of Epirus: The Acheron Necromanteion: Ephyra-Pandosia-Coassope (Athens, 1973); idem, in: The Princeton Encyclopedia of Classical Sites (1976), pp. 310f. s.v. Ephyra
  8. ^ D. Baatz, "Teile hellenistischer Geschütze aus Griechenland", Archäologischer Anzeiger 1979 (1979), pp. 68-75.
  9. ^ J. Wiseman, "Rethinking the 'Halls of Hades'", Archaeology 51.3 (1998), pp. 12-18; D. Baatz, "Wehrhaftes Wohnen. Ein befestigter hellenistischer Adelssitz bei Ephyra (Nordgriechenland)", Antike Welt 30.2 (1999), pp. 151-155.
  10. ^ Livy 45.34.
  11. ^ D. Baatz, "Hellenistische Katapulte aus Ephyra (Epirus)", Mitteilungen des deutschen archäologischen Instituts, Athenische Abteilung 97 (1982), pp. 211-233; D.B. Campbell, Greek and Roman Artillery, 399 BC-AD 363 (Oxford, 2003), pp. 13-14 and plate B (p. 26).