Apri il menu principale

Nicolás Avellaneda

politico argentino
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore, vedi Nicolás Avellaneda (calciatore).
Nicolás Avellaneda
Nicolas Avellaneda.jpg

Presidente dell'Argentina
Durata mandato 12 ottobre 1874 –
12 ottobre 1880
Vice Mariano Acosta
Predecessore Domingo Faustino Sarmiento
Successore Julio Argentino Roca

Senatore della Nazione Argentina
Durata mandato 3 maggio 1882 –
25 novembre 1885

Durata mandato 3 maggio 1874 –
10 ottobre 1874

Ministro della Giustizia e dell'Istruzione Pubblica
Durata mandato 12 ottobre 1868 –
10 agosto 1873
Presidente Domingo Faustino Sarmiento
Predecessore Eduardo Costa
Successore Juan Crisóstomo Albarracín

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale
Partito Autonomista Nazionale
Università Università di Buenos Aires
Firma Firma di Nicolás Avellaneda

Nicolás Remigio Aurelio Avellaneda Silva (San Miguel de Tucumán, 1º ottobre 1837Oceano Atlantico, 25 novembre 1885) è stato un politico, avvocato e giornalista argentino. Fu Presidente dell'Argentina dal 12 ottobre 1874 al 12 ottobre 1880.

Carriera politicaModifica

Deputato al Parlamento argentino dal 1864, durante la presidenza di Domingo Faustino Sarmiento, nel 1868, ricoprì le cariche di Ministro della Giustizia e Ministro dell'Istruzione, impegnandosi in tal veste a promuovere la ricerca scientifica e la riforma dei piani di studio. Dopo la scadenza del mandato di Sarmiento, fu Avellaneda a essere eletto Presidente dell'Argentina, entrando in carica il 12 ottobre 1874.

Poiché le elezioni si erano svolte in un clima di irregolarità, il suo avversario alla presidenza, Bartolomé Mitre, appena insediatosi Avellaneda, capeggiò un'insurrezione contro di lui, che venne facilmente sgominata. Oltre alla difficile crisi interna, il nuovo presidente dovette affrontare anche una grave crisi economica del Paese, a causa dell'abuso di credito e della svalutazione dei prodotti argentini sul mercato estero.

Per questo Avellaneda promosse dapprima un clima di pacificazione tra i partiti politici, poi varò una politica economica volta allo sviluppo agricolo e industriale dell'Argentina, grazie anche alla colonizzazione della pampa, la cosiddetta Conquista del deserto, avviata dai suoi predecessori, e alla forte immigrazione europea che fornì manodopera a basso costo. Scaduto il suo mandato il 12 ottobre 1880, Avellaneda fu senatore della sua provincia natia, il Tucumán, oltre ad ottenere importanti incarichi diplomatici in Brasile. Morì il 25 novembre 1885 in alto mare, a causa dell'affondamento della sua nave, mentre tornava da un viaggio in Europa.

È sepolto nel cimitero della Recoleta a Buenos Aires.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11273762 · ISNI (EN0000 0000 6358 2520 · LCCN (ENn85078104 · GND (DE1057093742 · NLA (EN35869336 · WorldCat Identities (ENn85-078104