Apri il menu principale
Nimlot
Stele Piye submission Mariette.jpg
Nimlot omaggia Piye (a sinistra, semi-cancellato) con un cavallo ed un sistro. Particolare dalla Stele della vittoria di Piye.
Re di Hermopolis
In carica Terzo periodo intermedio
Incoronazione 754 a.C.
Successore Djehutjemhat
Altri titoli Signore dell'Alto e del Basso Egitto
Morte 725 a.C.? (± 30 anni)

Nimlot (... – ...) è stato governatore (principe) della città di Ermopoli (Khnum), capoluogo del 15º distretto dell'Alto Egitto al termine della XXIII dinastia egizia.

BiografiaModifica

Forse figlio di Osorkon III, venne nominato governatore da Takelot III o, secondo altri studiosi, da Rudamon II.
Per motivi che non sono chiari si attribuì rango reale – al pari del governatore di Eracleopoli, Payeftjauembastet – pur non esercitando di fatto alcun potere e restando in posizione di vassallaggio verso Iuput II, il sovrano della XXIII dinastia.
Durante la guerra che oppose Piankhi della XXV dinastia a Tefnakht, fondatore della XXIV dinastia, dapprima fece atto di sottomissione al primo, ma poi aderì alla coalizione guidata da Tefnakht, scelta a cui rimase fedele fino alla fine opponendo, sembra, una strenua resistenza all'avanzata del sovrano nubiano.

Nella stele eretta da Piankhi per celebrare la sua vittoria, Nimlot è uno dei quattro "re" (insieme ad Osorkon IV di Tanis e i già citati Iuput II di Leontopolis e Payeftjauembastet di Heracleopolis) che rendono omaggio al vincitore e porta la corona con l'ureo, simbolo della regalità.
Prima di ritornare vittorioso a Napata, Piankhi riconfermò le cariche governative sulle rispettive città di questi personaggi sottomessi e tra questi scelse Nimlot come interlocutore.

 
 
 
 
 
 

nmlt - Nimlot

BibliografiaModifica

  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003, pp. 342-343, ISBN 88-452-5531-X.
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, 9ª ed., Roma-Bari, Biblioteca Storica Laterza, 2011, pp. 431-433.