Apri il menu principale
Oþalan
Nome Proto-germanico Antico inglese
*Ōþalan Éðel
Significato patrimonio, tenuta, beni
Forma Fuþark antico Fuþorc
Runic letter othalan.svg
Unicode
U+16DF
Traslitterazione o œ
Trascrizione o, ō œ, oe, ōe
IPA [o(ː)] [eː], [ø(ː)]
Ordine alfab. 23 o 24

*Ôþalan (in italiano "patrimonio") è il nome proto-germanico ricostruito della runa del Fuþark antico o (carattere Unicode ᛟ). Tale runa compare anche nel Fuþorc anglosassone e frisone con il nome di Ēðel. Altri nomi con cui ci si riferisce alla runa sono Odal, Othila e Othala.

Può essere derivata da una variante della lettera o dell'alfabeto retico, a sua volta collegata all'Ω greca. Il nome della corrispondente lettera nell'alfabeto gotico (Gothic o.svg, 𐍉) è oþal.

Il termine oþal (radice di oþalan, alto tedesco antico uodal) è un elemento che compare in diversi nomi germanici, come "Udalrico". Anche i nomi provenienti dall'inglese come "Edmondo" che presentano il prefisso ed (dall'antico inglese ead), i nomi tedeschi come "Otto" o quelli che cominciano con adal- o od- sono tutti ricollegati a oþalan.

Significato anticoModifica

La runa oþalan era spesso collegata alla proprietà, all'eredità, al benessere ed alla prosperità. In particolare era associata al concetto di eredità nell'antica legislazione scandinava sulla proprietà; alcune di queste leggi sono ancora in vigore oggi, e governano la proprietà norvegese (come l'Åsetesrett, che garantisce il passaggio di proprietà dal padre al primogenito, e l'Odelsrett, che regola l'allodio).

Nelle iscrizioni runiche su oggetti, anteporre una runa oþalan ad un nome di persona significava affermare che l'oggetto apparteneva a tale persona[1].

Poemi runiciModifica

La oþalan compare solamente nel poema runico anglosassone (non esistendo nell'alfabeto Fuþark recente) con il nome di Eþel.

Poema runico:[2] Traduzione:

Antico inglese
ᛟ Eþel byþ oferleof æghwylcum men,
gif he mot ðær rihtes and gerysena on
brucan on bolde bleadum oftast.


Una tenuta è molto cara ad ogni uomo,
se sa apprezzare là nella sua casa
qualunque cosa sia giusta ed appropriata in costante prosperità.

Usi recentiModifica

La runa oþalan fu il simbolo dei cittadini di etnia tedesca (Volksdeutsche) della 7. SS-Freiwilligen-Gebirgs-Division "Prinz Eugen", che operò durante la seconda guerra mondiale nello Stato Indipendente di Croazia (fantoccio della Germania nazista).

La oþalan è stata usata dal gruppo neofascista italiano Avanguardia Nazionale di Stefano Delle Chiaie, dal gruppo neonazista tedesco Wiking-Jugend, dal gruppo terrorista sudafricano Boeremag, dallo Young BNP inglese e dalla Nationalist Coalition statunitense. Oþal era anche il nome di un periodico mensile nazista[3].

La runa oþalan è stata utilizzata, come molte altre, anche nel Neopaganesimo germanico senza implicazioni politiche. La oþalan è anche nella bandiera e nel nome dell'organizzazione teodista Œðelland.

NoteModifica

  1. ^ Terje Spurkland, Norwegian Runes and Runic Inscriptions, Boydell Press, 2005, ISBN 1-84383-186-4; pagine 47-48.
  2. ^ Poemi originali e traduzioni inglesi sono presenti qui Archiviato il 1º maggio 1999 in Internet Archive..
  3. ^ Blut und Boden.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica