Apri il menu principale

Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti

(Reindirizzamento da OCCAR)
Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti
Organisation Conjointe de Coopération en matière d'Armement
Organisation for Joint Armament Co-operation
OCCAR logo.svg
AbbreviazioneOCCAR
Tipoorganizzazione internazionale
Fondazione12 novembre 1996
Scopocooperazione nei programmi europei d'armamento
Sede centraleGermania Bonn
DirettoreArturo Alfonso-Meiriño
Membri6 (2018)
Sito web

L'Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti, in acronimo OCCAR – dal francese Organisation Conjointe de Coopération en matière d'Armement –, è un'organizzazione europea che gestisce programmi europei di cooperazione nel campo degli armamenti.

Indice

StoriaModifica

L'OCCAR è stata istituita il 12 novembre 1996 dai ministri della Difesa di Francia, Germania, Italia e Regno Unito. Ha acquisito personalità giuridica propria a gennaio 2001 dopo che i parlamenti dei quattro Paesi fondatori hanno ratificato la Convenzione OCCAR. Belgio e Spagna hanno aderito all'organizzazione rispettivamente nel 2003 e nel 2005.[1]

Altre nazioni europee possono aderire all'OCCAR, subordinatamente alla loro effettiva partecipazione a un programma di cooperazione significativo che coinvolga almeno un altro Stato membro dell'OCCAR e all'accettazione dei principi, delle norme, dei regolamenti e delle procedure dell'OCCAR.

Nazioni europee possono partecipare a programmi gestiti dall'OCCAR senza essere membri dell'OCCAR. Questo è attualmente il caso di Turchia, Finlandia, Svezia, Paesi Bassi, Polonia, Lussemburgo e Lituania.

L'organo decisionale di più alto livello in ambito OCCAR è il Consiglio dei Supervisori costituito dai ministri della Difesa degli Stati membri (Board of Supervisors - BoS). Il Consiglio viene supportato da discendenti Comitati dallo stesso istituiti e le sue decisioni vengono messe in atto dall'Amministrazione Esecutiva (Executive Administration - OCCAR-EA).

L'OCCAR ha integrato, dal febbraio 2001, anche i programmi HOT/MILAN e ROLAND, che sono stati conclusi rispettivamente nel giugno 2003 e nel dicembre 2007.

L'OCCAR-EA impiega circa 200 persone.

CronologiaModifica

  • 1993 Franco-German Declaration
  • 1995 Principles of Baden-Baden
  • 1996 Franco-German precursor team
  • 1996 UK and Italy join precursor team
  • 1996 Administrative Arrangement
  • 1997 Early staffing of Central Office
  • 1998 Signature of the OCCAR Convention
  • 2001 OCCAR Legal Status
  • 2003 accesso del Belgio
  • 2004 Re-organisation of Central Office
  • 2005 accesso della Spagna

NazioniModifica

 

     Paesi membri

     Paesi partecipanti

Le nazioni membre del programma OCCAR e la data di ingresso
Altre nazioni partecipanti ai programmi OCCAR senza esserne membre

ProgrammiModifica

I tredici programmi attualmente gestiti dall'OCCAR[2]
Nazioni Programma Data Descrizione
       A400M 2003-05 aereo da trasporto tattico e strategico
    Boxer 2001-02 mezzo corazzato multi-ruolo
    Cobra 2001-02 "COunter Battery RAdar", sistema di localizzazione d'armi
       ESSOR 2008-12 "European Secure SOftware defined Radio", architettura europea sicura a fini militari del Software Defined Radio
   FREMM 2005-11 classe di Fregate Europee Multi-Missione
   FSAF-PAAMS 2001-02 "Famille des systèmes Surface-Air Futurs - Principal Anti Air Missile Systems", sistema antimissilistico superficie-aria e munizioni
  LSS 2015-05 "Logistic Support Ship", nave di supporto logistico, rifornitrice di squadra
     MALE RPAS 2016-08 "Medium Altitude Long Endurance Remotely Piloted Aircraft System", APR a lunga autonomia
   MMCM 2015-03 "Maritime Mine Counter Measures", studio di nuove tecnologie per il contrasto alle mine navali
      MMF 2016-09 "Multinational MRTT Fleet Acquisition", programma di acquisto di aerocisterne Airbus A330 MRTT
   MUSIS-FA 2011-05 "Multinational Space based Imaging System - Federating Activities", sistema di condivisione delle immagini prodotte dai satelliti d'osservazione
  PPA 2015-05 Pattugliatori Polivalenti d'altura
    Tiger 2001-02 elicottero d'attacco di nuova generazione

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Sito ufficiale, su occar-ea.org (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2006).