Octavio Paz

diplomatico, poeta e scrittore messicano
Octavio Paz
Octavio Paz - 1988 Malmö.jpg
Octavio Paz a Malmö nel 1988

Ambasciatore del Messico in India
Durata mandato 26 aprile 1962 –
18 ottobre 1968
Presidente Adolfo López Mateos
Gustavo Díaz Ordaz
Predecessore Salvador Pardo Bolland
Successore Carlos César Gutiérrez Macías

Incaricato d'affari del Messico in Giappone (ad interim)
Durata mandato 8 maggio 1952 –
2 ottobre 1952
Presidente Miguel Alemán Valdés
Predecessore José Luis Amezcua (nel 1941 prima della rottura delle relazioni diplomatiche)
Successore Manuel Maples Arce

Dati generali
Università UNAM, Università della California e Colegio Williams
Professione Poeta, diplomatico

Octavio Irineo Paz Lozano (Città del Messico, 31 marzo 1914Città del Messico, 20 aprile 1998) è stato un poeta, scrittore, saggista e diplomatico messicano, premio Nobel per la letteratura nel 1990.

È considerato il poeta di lingua spagnola più importante della seconda metà del Novecento. Nell'arco dell'intero secolo è superato per fama solo da Juan Ramón Jiménez, Vicente Huidobro, Jorge Luis Borges, César Vallejo e Pablo Neruda.

BiografiaModifica

Paz, una delle figure più importanti della letteratura contemporanea, sia come poeta che come saggista, visse a lungo in Spagna, dove sostenne la lotta dei repubblicani durante la Guerra civile spagnola (anche se, in seguito, prenderà le distanze dal comunismo), e in Francia, dove ebbe modo di avvicinarsi al surrealismo.

Durante la permanenza in Francia lavorò a fianco di André Breton e Benjamin Péret.

Nel 1945, Paz entrò nel servizio diplomatico messicano. In quell'epoca, Paz scrisse Il labirinto della solitudine, un saggio sull'identità messicana. Si sposò con Elena Garro, dalla quale ebbe una figlia. Nel 1962, fu nominato ambasciatore del Messico in India. Lasciò l'incarico nel 1968, dopo il Massacro di Tlatelolco.

Nel 1956 vince il Premio Xavier Villaurrutia e nel 1981 a Paz fu conferito il Premio Cervantes.

Le opereModifica

PoesiaModifica

  • Luna silvestre (1933)
  • Non passeranno (1936)
  • Radici dell'uomo (1937)
  • Pietra di sole (1957)
  • Libertad bajo palabra (1958)
  • Salamandra (1962)
  • Versante Est (1969)
  • Poesie (1979)
  • Vento cardinale e altre poesie (1984)
  • Árbol adentro (1987)
  • El fuego de cada día (raccolta di poesie)

SaggisticaModifica

  • Il labirinto della solitudine (1950)
  • El arco y la lira (1956)
  • Las peras del olmo (1957)
  • Cuadrivio (1965)
  • Puertas al campo (1966)
  • Corriente alterna (1967)
  • Claude Levi-Strauss o el nuevo festín de Esopo (1967)
  • Marcel Duchamp o el castillo de la pureza (1968)
  • Apparenza nuda (1973)
  • Congiunzioni e disgiunzioni (1969)
  • Postdata (1969, seguito di "El laberinto de la soledad")
  • El signo y el garabato (1973)
  • Los hijos de limo (1974)
  • El ogro filantrópico (1979)
  • In/mediaciones (1979)
  • Sor Juana Ines de la Cruz o las trampas de la fe (1982)
  • Tiempo nublado (1983)
  • Sombras de obras (1983)
  • Hombres en su siglo (1984)
  • Pequeña crónica de grandes días (1990)
  • La otra voz (1990)
  • Convergencias (1991)
  • Al paso (1992)
  • La duplice fiamma. Amore ed erotismo (1993)
  • Itinerario (1994)
  • Vislumbres de la india (1995)
  • In India (1995)

TraduzioniModifica

  • Versiones y diversiones (raccolta di traduzioni poetiche)
  • Sendas de Oku di Matsuo Bashō (1957)

OnorificenzeModifica

  Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
— 1986

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41844743 · ISNI (EN0000 0001 2129 6435 · Europeana agent/base/61409 · LCCN (ENn79076107 · GND (DE118739743 · BNF (FRcb11918885d (data) · BNE (ESXX1076624 (data) · NLA (EN35413443 · BAV (EN495/184576 · NDL (ENJA00452350 · WorldCat Identities (ENlccn-n79076107