Apri il menu principale
Palazzo Mauro De André
Pala De André
Pala De André 03.JPG
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneViale Europa, 1
Ravenna
Inaugurazione1990
Strutturaarena coperta
ProprietarioComune di Ravenna
Uso e beneficiari
PallavoloPorto Robur Costa
Olimpia Teodora
PallacanestroBasket Ravenna
Capienza
Posti a sedere3500
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°25′17.04″N 12°13′36.12″E / 44.4214°N 12.2267°E44.4214; 12.2267

Il Pala De André (Palazzo Mauro De André) è un'arena coperta di Ravenna, una struttura polifunzionale che ospita eventi di ogni genere.

Ospitava le gare interne del Porto Ravenna Volley, gloriosa società cittadina di pallavolo maschile vincitrice di tre Coppe dei Campioni negli anni novanta e dell'Olimpia Teodora, squadra di volley femminile. Dalla stagione 2011-12 ospita le gare interne del Gruppo Sportivo Robur Angelo Costa, poi divenuto Gruppo Sportivo Porto Robur Costa a seguito della fusione con il Porto Ravenna Volley.

A partire dalla stagione 2015-2016 ospita anche le partite casalinghe della Basket Ravenna Piero Manetti.

La struttura, nata per lo sport, è stata resa adatta, in parte, a manifestazioni musicali, con l'aggiunta di una conchiglia acustica, ospitando concerti anche con l'uso orchestre.

Infine, al suo interno sono state allestite mostre temporanee d'arte, come quella su Giorgio De Chirico nell'estate 2008.

Indice

L'edificioModifica

 
Alberto Burri, Il Grande Ferro R

Il palazzo è intitolato a Mauro De André, dirigente del gruppo Ferruzzi e fratello del cantautore Fabrizio De André, prematuramente scomparso nell'agosto del 1989.

Progettata dall'architetto Carlo Maria Sadich, la struttura è caratterizzata dalla forma a semicupola di 54 metri di lato. Costruita nel 1989, è stata inaugurata nel 1990.

Vicino all'entrata è stata collocata una scultura di Alberto Burri, il Grande Ferro R[1], realizzata nel 1991 e rappresentante una carena di nave rovesciata.

NoteModifica

  1. ^ Scultura-Teatro sulla corsia agonale del Palazzo "Mauro De Andrè", FFMAAM. URL consultato il 24 novembre 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica