Paramachaerodus

genere di animale della famiglia Felidae
(Reindirizzamento da Paramachairodus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paramachaerodus
Immagine di Paramachaerodus mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Sottofamiglia Machairodontinae
Tribù Smilodontini
Genere Paramachaerodus

Il paramacherodo, (nome scientifico Paramachaerodus), è un mammifero estinto, appartenente ai felidi. Visse tra il Miocene medio e il Miocene superiore (15 - 9 milioni di anni fa) e rappresenta una delle prime forme di tigri dai denti a sciabola (Machairodontinae). I suoi resti sono stati ritrovati in Europa e in Asia.

DescrizioneModifica

Questo animale, della taglia di un piccolo leopardo, era alto circa 60 centimetri al garrese e possedeva un corpo lungo e basso. Le zampe erano piuttosto robuste (in particolare quelle anteriori), mentre la testa era abbastanza piccola e stretta se rapportata a quella dell'attuale leopardo. Il cranio era dotato di una cresta sagittale moderatamente sviluppata e di una scatola cranica corta. La mandibola mostra un abbozzo di flangia per la protezione del canino superiore. In generale, Paramachaerodus doveva assomigliare abbastanza al leopardo nebuloso attuale (Neofelis nebulosa): come questo, inoltre, possedeva canini superiori piuttosto allungati, forse frutto di una convergenza adattativa.

ClassificazioneModifica

Il genere Paramachaerodus gode di una storia tassonomica piuttosto complicata: a questa forma, infatti, sono state in passato ascritte numerose specie (ora riposizionate nel genere Pontosmilus). Le due specie attualmente assegnate a Paramachaerodus sono P. orientalis e P. maximiliani, la prima del Turoliano inferiore e la seconda del Turoliano superiore. Entrambe le specie erano caratterizzate da canini superiori crenulati, ma P. maximiliani possedeva il terzo premolare superiore più grande e la taglia dell'animale era leggermente maggiore. Una terza specie, P. transasiaticus, è stata descritta nel 2017 sulla base di fossili del Turoliano della Bulgaria (Hadjidimovo) e della Cina (Hezheng).

Un'altra specie, P. ogygia, è stata riassegnata a un genere originariamente descritto da Miklós Kretzoi nel 1938, Promegantereon, più antico e primitivo, sprovvisto di crenulature sui canini. Paramachaerodus è considerato uno dei più antichi rappresentanti delle tigri dai denti a sciabola (Machairodontinae), e si ritiene fosse ancestrale alla linea che condusse al ben noto Smilodon (Smilodontini). Nonostante il nome, non sembrerebbe essere strettamente collegato con il genere Machairodus.

Stile di vitaModifica

La forma delle zampe di Paramachaerodus suggerisce che questo animale fosse un agile arrampicatore, ed è possibile che tendesse agguati dai rami degli alberi anche a prede piuttosto grosse.

BibliografiaModifica

  • Pilgrim, G. 1913. The correlation of the siwaliks with Mammal Horizons of Europe. Records of the Geological Survey of India 43: 264–326.
  • Beaumont, G. 1975. Recherches sur les félidés (Mammifères, Carnivores) du Pliocène inférieur des sables à Dinotherium des environs d’Eppelsheim (Rheinhessen). Archives des Sciences, Genève 28: 369–405.
  • Turner, Alan. 1997. The Big Cats and their fossil relatives, New York, Columbia University Press, p. 60. ISBN 0-231-10228-3.
  • Salesa, M.J., P. Montoya, L. Alcalá, and J. Morales. 2003. El género Paramachairodus Pilgrim, 1913 (Felidae, Machairodontinae) en el Mioceno superior Española. Coloquios de Paleontología, Volumen Extraordinario 1: 603–615.
  • Salesa, M.J., M. Antón, A. Turner, L. Alcalá, P. Montoya, and J. Morales. 2010. Systematic revision of the Late Miocene sabre-toothed felid Paramachaerodus in Spain. Palaeontology 53: 1369–1391.
  • Li, Y. & Spassov, N. 2017. A new species of Paramachaerodus (Mammalia, Carnivora, Felidae) from the late Miocene of China and Bulgaria, and revision of Promegantereon Kretzoi, 1938 and Paramachaerodus Pilgrim, 1913. PalZ 91(3): 409–426. doi: 10.1007/s12542-017-0371-7 Reference page.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia