Paramelomys rubex

specie di animale della famiglia Muridae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ratto dalla coda a mosaico di montagna
Immagine di Paramelomys rubex mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Paramelomys
Specie P.rubex
Nomenclatura binomiale
Paramelomys rubex
Thomas, 1922
Sinonimi

Melomys moncktoni clarus, Melomys moncktoni stresemanni

Il ratto dalla coda a mosaico di montagna (Paramelomys rubex Thomas, 1922) è un roditore della famiglia dei Muridi endemico della Nuova Guinea.[1][2]

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 100 e 130 mm, la lunghezza della coda tra 96 e 140 mm, la lunghezza del piede tra 25 e 30,2 mm, la lunghezza delle orecchie tra 11 e 19,3 mm e un peso fino a 53,5 g.[3]

AspettoModifica

La pelliccia è lunga, soffice e fine. Le parti superiori sono bruno-rossicce scure con dei riflessi rossastri sul fondo-schiena, mentre le parti ventrali sono giallo-brunastre o grigio chiare, con la base dei peli color ardesia. La testa è bruna-grigiastra scura con una maschera facciale più scura. Sulla gola è presente una chiazza biancastra. Le orecchie sono corte, prive di peli e grigio scure. Le zampe anteriori sono più scure sui polsi e gradualmente passano al bianco delle dita. I piedi sono marroni chiari. La coda è più corta della testa e del corpo ed è uniformemente marrone scura. Sono presenti 12-14 anelli di scaglie per centimetro, corredata ciascuna da un singolo pelo.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

È una specie terricola. Costruisce sistemi di cunicoli e tane sotterranei.

RiproduzioneModifica

Le femmine danno alla luce solitamente 2 piccoli alla volta.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è diffusa nella cordigliera centrale della Nuova Guinea, sui Monti Arfak e nella Penisola di Huon.

Vive nelle foreste tropicali primarie e in aree secondarie, inclusi vecchi campi agricoli tra 900 e 3.000 metri di altitudine.

TassonomiaModifica

Sono state riconosciute 7 sottospecie[4]:

Stato di conservazioneModifica

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione numerosa e la mancanza di reali minacce, classifica P.rubex come specie a rischio minimo (LC).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Leary, T., Singadan, R., Menzies, J., Wright, D., Aplin, K. & Helgen, K. 2008, Paramelomys rubex, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Paramelomys rubex, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995.
  4. ^ Tate, 1951.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi